Un pezzo di Alta Marca alla selezione per il Rain Forest Challenge in Malesia: presenti piloti e navigatori di Vittorio Veneto e Asolo


Saranno 4 gli equipaggi veneti che affronteranno, insieme ad altri 20 equipaggi provenienti da tutta Italia ed Europa, a fine maggio, la selezione per il Rfc (Rain Forest Challenge), una gara motoristica estrema, dove uomini e mezzi si sfidano per dare il meglio in situazioni difficili, dove il lavoro di squadra premia e dove il rispetto di un regolamento preciso è ciò che determina il miglior risultato.

L’evento madre di questa manifestazione si tiene ogni fine anno in Malesia ed è quotato al terzo posto tra le gare più difficili al mondo, dopo la Baja 1000 in California e dopo la Dakar in Arabia Saudita.

A Corno di Rosazzo, in provincia di Udine, si svolge ogni anno l’unica tappa Europea, denominata Rain Forest Challenge South Europe, tappa che offrirà al vincitore di ogni categoria, un voucher per poter raggiungere Kuala Lumpur in Malesia.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è vittorio-veneto-motori-300321.jpg

I mezzi idonei a partecipare devono rispecchiare due categorie ben distinte: i preparati calzano al massimo 37″ di gomma, devono mantenere un passo entro i 50 mm dalla misura originale, 30 mm al massimo di distanziali, il motore deve preservare la sua posizione originale, così come il riduttore, particolari che comunque non allontanano il veicolo dalla serie.

L’altra categoria invece si presenta con modifiche sostanziali sia al telaio, al motore, cambio, riduttore e assali, consente inoltre gomme fino ad un massimo di 40″, tutto purché in linea con il regolamento di gara.

Al Rainforest Challenge non basta essere i più veloci, ma è necessario giocare la tattica di squadra e del comportamento corretto. I tracciati vengono predisposti per essere fattibili da entrambe le categorie, creando varianti ad hoc per la categoria più prestante (proto).

Le prove sono caratterizzate da diverse tipologie di fondo: fango, rocce, acqua, tratti veloci, laterali, discese e salite da verricello, un mix che rispecchia l’evento madre in Malesia, dove a fine anno si danno appuntamento i migliori equipaggi e mezzi per aggiudicarsi il podio di questa sfida.

L’equipaggio veneto che più ha solcato le scene nelle scorse edizioni è formato dal Alessio Marchiori (pilota) di Salzano e Moreno Segat (navigatore) di Vittorio Veneto, raggiungendo un ottimo terzo posto nel 2016 e quest’anno si presentano in categoria “Proto” con un mezzo molto performante, preparato dalla Rm Custom di Romeo Manzan di Montebelluna.

Sempre dalla preparazione di Rm Custom esce il mezzo di un altro equipaggio di origini venete composto da Michele Tonon e Mauro Casagrande, correranno in categoria “preparati” con una Jeep Wrangler Tj dotata di motore 5.7.

Due volte vincitore in categoria “preparati” e 2° per un soffio nella scorsa edizione è l’equipaggio veneto formato da Steven Giusti di Asolo e Mirko Alba di Quero che cercheranno di riconquistare il podio con la loro Suzuki Samurai per il Fenix Racing Team.

E’ di Belluno il quarto dalla regione Veneto, Massimiliano Demenego arriva al Rain Forest Challenge per la prima volta, ma con la sua Jeep JK con motore Hemi darà sicuramente filo da torcere tra le file, correrà per il Red Team HM4x4 navigato dalla sua fida navigatrice Anna Dal Tio di Vittorio Veneto.

In totale sono 24 ad oggi gli equipaggi al via, saranno impegnati da giovedì 27 a domenica 30 maggio nelle 3 prove speciali, preparate sapientemente dallo staff del club Fls4x4, e ospitate tra le proprietà delle quattro Aziende vinicole del Collio: Perusini, Cadibon, La Viarte e Valle.

(Foto: Fls4x4).
#Qdpnews.it

Articoli correlati