Tutto pronto per la corsa solidale La Rosa di Conegliano: iscrizioni aperte fino a venerdì 31 gennaio

  • Conegliano
  • - 28 Gennaio 2020

C'è tempo fino a venerdì 31 gennaio per iscriversi alla Rosa di Conegliano, manifestazione podistica non competitiva in programma per il prossimo 1° marzo.

La corsa, organizzata su due percorsi pari a 6 e 9 chilometri, si pone l'obiettivo di raccogliere dei fondi a sostegno della Nostra Famiglia di Conegliano, realtà specializzata nel seguire ragazzi con disabilità.

Quella del 2020 è la terza edizione della manifestazione sportiva che, a differenza delle due precedenti organizzate nell'area delle piscine comunali, si dilungherà tra le strade della città, con la partenza e l'arrivo nella centralissima piazza Cima.

La Rosa b 06

L'evento è organizzato dall'Atletica Academy Conegliano e dalla Plaextra Events, in collaborazione con E20 Run e soltanto nel 2019 ha visto la partecipazione di circa 1.500 iscritti. Anche se la corsa è prettamente al femminile, la partecipazione è inoltre aperta al parterre maschile.

La data del 1° marzo non è stata scelta a caso: si tratta della domenica precedente all'8 marzo, la Festa della donna, ed è un chiaro riferimento alla maggior presenza femminile alla corsa.

Un'altra occasione, quindi, dove sport e solidarietà si uniscono in un connubio significativo, al quale può dare il proprio contributo chiunque lo desideri.

Per effettuare l'iscrizione è possibile consultare il sito www.keepsporting.com oppure rivolgersi alla piscina Ranazzurra, alle farmacie Carli di Conegliano e Carraro a Colle Umberto, alla farmacia Battistella di Pieve di Soligo e a quella di Refrontolo, a Borrauto, Just Fit e Sportway di Conegliano.

(Fonte: Arianna Ceschin © Qdpnews.it).
(Foto: La Rosa Conegliano).
#Qdpnews.it 

Print Friendly, PDF & Email

Conegliano, incidente stradale questa mattina lungo via Calpena, quattro feriti all'ospedale

  • Conegliano
  • - 28 Gennaio 2020

Questa mattina, martedì 28 gennaio 2020, poco dopo le ore 7 e 30 si è verificato un incidente stradale tra due auto in via Calpena a Conegliano.

Le dinamiche ancora non sono del tutto chiare, nello schianto ha avuto la peggio una Mercedes Classe A monovolume, che è finita nel fossato adiacente.

conegliano incidente 3

Sono quattro le persone ferite nell'impatto che sono state soccorse dagli operatori del Suem e successivamente trasportate in ospedale a Conegliano in codice 2 (media gravità).

Sul luogo del sinistro sono giunti anche i Vigili del Fuoco di Conegliano per estrarre le persone dalla Mercedes e le forze dell'ordine per i rilievi.

(Fonte: Redazione Qdpnews.it).
(Foto: Vigili del Fuoco).
#Qdpnews.it 

Print Friendly, PDF & Email

Collaborazione tra Rotary e Rotaract Conegliano-Vittorio Veneto per l’orientamento universitario nei licei

  • Conegliano
  • - 27 Gennaio 2020

l Rotaract Club Conegliano-Vittorio Veneto, in collaborazione con il Rotary Club Conegliano-Vittorio Veneto rinnova il suo impegno oramai decennale per i ragazzi dei licei cittadini organizzando un percorso di orientamento universitario destinato agli studenti della quinta superiore.

Le giornate di orientamento, dopo quella del 18 gennaio 2020 a Vittorio Veneto, comprenderanno anche quella di sabato 1 febbraio al Liceo G. Marconi di Conegliano.

Gli incontri saranno la prima tappa di un percorso di supporto che proseguirà per tutto l’anno scolastico, con l’attivazione di un indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., a cui gli studenti potranno rivolgersi per chiedere consigli sulle scelte universitarie ai giovani professionisti del Rotaract.

"In un momento di forte transizione occupazionale è importante orientare i giovani studenti nelle loro scelte formative" spiega il Presidente del Rotaract Club Conegliano-Vittorio Veneto, Marco Ferrari.

Infatti, nonostante un tasso di disoccupazione giovanile intorno al 27%, il 31% delle imprese italiane fatica a trovare figure tecniche, scientifiche e ingegneristiche formate adeguatamente.

"Quello del mismatch delle competenze è un enorme freno alla crescita del sistema-paese e porta moltissimi giovani a lasciare il territorio in cui sono cresciuti costringendoli a emigrare all’estero. Noi professionisti con esperienza abbiamo il dovere morale di cercare di frenare questo fenomeno" ha aggiunto Diego Tomasi, Presidente del Rotary Club, che da oltre 10 anni è impegnato a patrocinare questo progetto.

(Fonte e foto: Rotaract Club Conegliano-Vittorio Veneto).
#Qdpnews.it 

Print Friendly, PDF & Email

Conegliano, celebrata oggi la Giornata della Memoria: riuniti gli studenti per non dimenticare

  • Conegliano
  • - 27 Gennaio 2020

"Per non dimenticare" è il messaggio trasmesso oggi, 27 gennaio 2020, Giornata della Memoria, e anche a Conegliano la Storia è tornata nelle sue pieghe più drammatiche. Era il 27 gennaio del 1945 quando le truppe dell'Armata Rossa facevano il loro ingresso nel campo di concentramento di Auschwitz, salvando i prigionieri ebrei rimasti e facendo i conti con uno scenario terribile.

Nel corso della mattinata, il sindaco Fabio Chies, i rappresentanti dell'amministrazione, delle Forze dell'Ordine, delle associazioni e gli studenti hanno reso omaggio a quanti hanno perso la vita a causa della furia nazista.

La prima tappa, di un doppio appuntamento organizzato, è stata la lapide commemorativa di via Pietro Caronelli, l'ex ghetto dove la città ha voluto ricordare la Comunità ebraica. Successivamente, il gruppo si è spostato in via Fabio Filzi, di fronte al monumento dedicato alla Resistenza, a lato della scuola media "Federico Grava", che prende il nome da un giovane coneglianese, il quale perse la vita in un lager a soli 22 anni.

Un appuntamento a cui ogni anno non mancano mai gli studenti, le nuove generazioni a cui spetta il compito di portare sempre con sé la memoria di un passato a tratti oscuro, per impedire che si ripetano nuove tragedie umane.

A Conegliano la comunità ebraica non è mai stata particolarmente numerosa, dato che la punta massima venne toccata nella seconda metà del Settecento con la presenza di circa 69 famiglie. Tuttavia, la città del Cima vide la presenza ebraica già dal Quattrocento e Conegliano in passato fu considerata una delle comunità ebraiche più di rilievo in Veneto.

giornomemoria

Nel 1545 venne istituito il cimitero ebraico di viale Gorizia, tutt'ora esistente, mentre la comunità, che si estinse verso la fine dell'Ottocento per il trasferimento delle famiglie a Venezia e a Padova, poteva contare sulla presenza di una sinagoga.

Il luogo di culto venne demolito nel secondo dopoguerra e gli arredi condotti a Gerusalemme nel 1952 in una nuova sinagoga, oggi utilizzata per riunire la comunità ebraica italiana.

Ma la Giornata della Memoria lascerà presto spazio a un'altra Giornata del Ricordo, ovvero il 10 febbraio dedicato alle vittime delle foibe: l'amministrazione comunale ha organizzato per il prossimo 18 febbraio una visita a Trieste e a Basovizza, luogo dove si trova ancora il Magazzino 18, il quale porta ancora i segni di quanti furono vittime di quei tempi.

Tutto ciò in memoria di una Storia, come quella della Seconda guerra mondiale, che non può e non deve essere dimenticata. "Tutti i martiri sono uguali come tutte le giornate del ricordo - ha spiegato il presidente del consiglio comunale Giovanni Bernardelli - perché si tratta di un male assoluto. C'era tantissima gente questa mattina e moltissimi studenti di tutte le fasce d'età, dalle elementari alle superiori. Spero di vedere altrettanti studenti anche il prossimo 10 febbraio"

(Fonte: Arianna Ceschin © Qdpnews.it).
(Foto: per concessione di Giovanni Bernardelli).
#Qdpnews.it

Print Friendly, PDF & Email

Conegliano, post con foto di Mussolini: opposizione attacca l'assessore alla sanità Sonia Colombari

  • Conegliano
  • - 27 Gennaio 2020

A due giorni dalla Giornata della Memoria scoppia a Conegliano la polemica su un post comparso sul profilo facebook personale dell'assessore alla sanità e al sociale Sonia Colombari.

Nello specifico una foto di Benito Mussolini accompagnata dalla citazione di una frase a lui attribuita: “Il tradito potrà anche essere un ingenuo, ma il traditore rimarrà sempre un infame!”.

Il post, condiviso da una pagina dedicata a citazioni celebri, è comparso sul profilo privato dell'assessore, ma è stato catturato da un contatto e inoltrato fino ad arrivare all'opposizione, che ora attacca sull'opportunità di rievocare una frase del Duce a ridosso del 27 gennaio, il giorno dedicato al ricordo delle vittime dei campi di sterminio e delle leggi razziali.

L'affondo arriva da Isabella Gianelloni del Partito Democratico: “Domani è il Giorno della Memoria, che ricorda fatti riguardanti anche gli italiani. Traditori furono le spie fasciste, che denunciarono gli ebrei italiani facendoli finire nei campi di concentramento”.

Il post, accusa il consigliere PD, anche se comparso in un profilo privato è inopportuno perché fatto da qualcuno che ha un ruolo pubblico: “Chi amministra deve rifarsi alla Costituzione, che vieta la ricostituzione del Partito fascista. La Colombari può pensare quello che vuole, ma deve rendersi conto che tutto quello che dice e scrive e che può essere riportato è pubblico”.

Il capogruppo del Movimento Cinque Stelle, Alberto Ferraresi, si è chiesto se il post non vada interpretato alla luce delle defezioni che la maggioranza coneglianese ha avuto negli ultimi mesi e, quindi, non sia parte dei regolamenti di conti interni alla giunta.

Michele Seno, segretario provinciale di Articolo Uno, pone dubbi sui concetti di fedeltà e tradimento nella visione fascista e rievoca un analogo episodio avvenuto nel comune di Montenero di Bisaccia, in provincia di Campobasso, dove un assessore fu costretto a dimettersi per lo stesso post.

Interpellata sulla questione, Sonia Colombari chiarisce la sua posizione e il senso del post: “Mi dispiace che il valore della fedeltà urti la sensibilità di chi mi ha attaccato”, riflette, spiegando che la sua volontà era di celebrare il valore assoluto della fedeltà, non la figura di Mussolini.

“Si tratta semplicemente di una frase che sento mia, ho condiviso un post altrui, la foto era allegata perché citava una frase del personaggio. Mi fa specie che si vadano a cercare queste cose nel mio profilo privato per fare polemiche sterili”, aggiunge, negando poi categoricamente riferimenti alle vicende della maggioranza coneglianese.

Riguardo l'imminente Giorno della Memoria, l'assessore ci tiene a sottolineare il rispetto nei confronti della ricorrenza e che il post non va messo in relazione con essa: “Ormai da due anni faccio parte dei viaggi della memoria organizzati dall'assessore Panizzutti per gli studenti e ho partecipato con commozione alle visite del campo di concentramento di Mauthausen”.

 

(Fonte: Fabio Zanchetta © Qdpnews.it).
(Foto: Archivio Qdpnews.it).
#Qdpnews.it

Print Friendly, PDF & Email

// Storie di Sport

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies.