Sta facendo discutere la possibilità dell'introduzione del decreto Di Maio, che andrebbe a sostituire il decreto Monti sulla questione del lavoro domenicale. Nello specifico, il ministro del Lavoro Luigi Di Maio vorrebbe limitare le aperture dei negozi al numero di 8 domeniche all'anno.

Su questo punto si è espresso anche Alessandro Cerato (nella foto),  direttore del centro commerciale Conè di Conegliano. "Penso che il tema sia complesso - ha dichiarato Cerato - e ci sia un po' di confusione sul tema. Negli ultimi anni la domenica è stata una giornata fondamentale, dopo il sabato, per il commercio".

"Poi il decreto andrebbe a privilegiare maggiormente le aree turistiche - ha continuato il direttore - creando una certa competizione con le nostre zone. Credo invece - ha aggiunto Cerato - che ci dovrebbe essere una tutela maggiore per il lavoratore, tramite delle turnazioni obbligatorie e un'adeguata retribuzione dato che si tratta di un giorno di festa".

"Inoltre - ha precisato il direttore - si andrebbe a intaccare tutti gli aspetti collegati: una riduzione dell'organico anche nei servizi di vigilanza e pulizie e del lavoro delle agenzie di marketing ed eventi".

"Questo sistema - ha concluso Cerato - andrebbe a facilitare il sistema degli acquisti online".

(Fonte: Arianna Ceschin © Qdpnews.it).
(Foto: archivio Qdpnews.it).
#Qdpnews.it