Conegliano, nessuna infedeltà patrimoniale alla Memorial, il fatto non sussiste e il giudice assolve gli imputati

Il fatto a suo tempo aveva fatto parlare in città, ma ora il giudice ha messo una pietra sopra: non ci sarebbe stata alcuna infedeltà patrimoniale nella condotta dell’amministratore unico di Memorial Day srl., Daniele Marchioni, a fronte dell’acquisto, avvenuto nel 2014, dei beni immobili della società Memorial srl.

E’ stata questa la decisione resa martedì dal Tribunale di Treviso, presieduto dal giudice Umberto Donà, che ha assolto Marchioni, e con lui gli altri imputati Lorenzo Zottini, Giorgio Paolillo e Giuliano Trevisan.

Al Marchioni (nella foto) era stato contestato di aver concorso con gli altri imputati il depauperamento della società Memorial s.r.l., i cui beni immobili, secondo la tesi del pm Massimo De Bortoli, erano stati “svenduti” alla società Memorial Day s.r.l., di cui lo stesso Marchioni è attualmente amministratore unico. marchioniLa sentenza del Tribunale di Treviso, arrivata al termine di una attività istruttoria che ha impiegato ben tre udienze, ha assolto tutti gli imputati con la formula “perché il fatto non sussiste”, riconoscendo pertanto l’insussistenza delle accuse formulate a loro carico.

Si tratta della formula assolutoria più ampia – hanno spiegato gli avvocati Stefano Antiga e Nicola Poloni, difensori di Marchioni e Zottini – con la quale è stata riconosciuta la totale assenza di qualsivoglia condotta infedele dei nostri clienti imputati”. Respinte, di conseguenza, anche le richieste di risarcimento dei danni avanzate dalle parti civili costituite.

È stata così messa la parola fine ad una vicenda giudiziaria che si protraeva dal 2015. Ovviamente esprime soddisfazione anche Daniele Marchioni, che si è sempre dichiarato estraneo ai fatti di cui era accusato: “Sono sempre stato convinto, e la sentenza del Tribunale di Treviso lo ha dimostrato, che non vi fosse alcuna responsabilità penale a mio carico. Grazie anche al lavoro dei miei avvocati siamo riusciti a dimostrare l’assoluta liceità delle operazioni commerciali da me compiute”.

(Fonte: Redazione Qdpnews.it).
(Foto: Web Memorial).
#Qdpnews.it

Print Friendly, PDF & Email

// Storie di Sport