Conegliano, biciclette abbandonate in via del Lavoro. Mallamace: "Non si può parlare di degrado urbano"

In via del Lavoro a Conegliano, nelle vicinanze dell'istituto "Marco Fanno", sono state rinvenute in questi giorni delle biciclette abbandonate: un fatto che, ancora una volta, è stato segnalato sui gruppi social della città del Cima.

Ma a Conegliano si può parlare di degrado urbano e, facendo un'analisi complessiva su questo tema, a che punto è la città?

Secondo il comandante della Polizia locale Claudio Mallamace, "a Conegliano non si può parlare di degrado urbano". "Se si parla di degrado urbano qui da noi - puntualizza Mallamace - significa non aver presente la situazione di altre città della medesima ampiezza".

"Sicuramente - prosegue il comandante - ci sono aree da visionare e da tenere monitorate, ma la possibilità di fondi condiziona la possibilità di mettere tutto a posto. Ci sono delle difficoltà e la finanza pubblica non è semplice".

"Conegliano partecipa davvero a molti bandi in tal senso - continua Mallamace - ma, non essendo capoluogo di provincia e non avendo neppure le dimensioni di un Comune piccolo, finisce sempre in basso in graduatoria".

"Tuttavia - aggiunge il comandante della Polizia locale - non ci sono qui situazioni da Bronx. L'unico caso più complesso è l'ex area Zanussi, perché a ridosso del centro e di facile frequentazione, inoltre gli spazi sono molto grandi. Per il resto, esistono casi di edifici sparsi nella città che risultano disabitati, anche a causa di fallimenti e per i quali sollecitiamo più volte le curatele affinché venga tutto mantenuto con un certo decoro".

"Pertanto - conclude Mallamace - non si può parlare di degrado urbano, quando ci si riferisce alla condizione complessiva della città di Conegliano".


(Fonte: Arianna Ceschin © Qdpnews.it).
(Foto: Facebook).
#Qdpnews.it

Print Friendly, PDF & Email

// Storie di Sport