Conegliano, la rinascita passa anche per la cultura: riaprono Palazzo Sarcinelli e l'antico cimitero ebraico

Non si può parlare ancora di normalità pienamente ritrovata, ma arrivano comunque importanti segnali da Conegliano sul fronte della cultura: nelle prime due settimane di giugno Palazzo Sarcinelli riaprirà a pieno regime, con due nuove mostre, e riprenderanno anche le visite guidate dell'antico cimitero ebraico della città.

La notizia più attesa è certamente quella dell'inaugurazione, prevista per venerdì 12 giugno, della mostra “Il racconto della montagna”, nuovo progetto espositivo di Civita Tre Venezie per il piano nobile di Palazzo Sarcinelli.

L'allestimento era avvenuto nelle settimane immediatamente precedenti al lockdown, in vista del vernissage inizialmente previsto per il 6 marzo, poi l'epidemia è piombata anche su Conegliano, congelando di fatto un progetto che ha richiesto un investimento importante per il territorio.

La mostra, che durerà fino all'8 dicembre, è curata da Giandomentico Romanelli e Franca Lugato, già responsabili delle mostre di Teodoro Wold Ferrari e dei Ciardi, e vedrà tra le principali novità l'esposizione di una selezione di manifesti provenienti dal Museo Collezione Salce di Treviso.

Palazzo Sarcinelli riaprirà però le sue porte già questo week-end: nella giornata di oggi, sabato 6 giugno, a partire dalle ore 10, si terrà l'inaugurazione della nuova mostra alla Galleria del Novecento. L'esposizione, intitolata “Grave/Lieve. La materia e le sue forme” e curata da Lorena Gava, è incentrata sulle sculture di Alberto Pasqual e vede l'organizzazione dell'associazione Contrada Granda.

Poco distante da Palazzo Sarcinelli, nell'Oratorio dell'Assunta in piazza Cima, sempre oggi verrà inaugurata un'altra esposizione organizzata da Contrada Granda, incentrata sulle opere di Simon del Grillo.

Fuori dal centro cittadino, un altro dei siti culturali più importanti di Conegliano è pronto ad accogliere nuovamente i visitatori: il Centro coneglianese di Storia e Archeologia ha infatti annunciato la riapertura dell'antico cimitero ebraico, prevista per la mattina di domenica 7 giugno.

Come di consueto, l'accesso al cimitero sarà possibile esclusivamente attraverso una visita guidata, a cui si potrà aggregarsi sul momento, senza prenotazione, presentandosi di fronte al cancello in viale Gorizia alle ore 10. La visita guidata prevede un contributo libero di 2 euro, richiede il rispetto delle distanza di sicurezza, l'utilizzo dei dispositivi di protezione personale e non si svolgerà in caso di pioggia.


(Fonte: Fabio Zanchetta © Qdpnews.it).
(Foto: archivio Qdpnews.it).
#Qdpnews.it 

Print Friendly, PDF & Email

// Storie di Sport