Conegliano, lavori in corso allo stadio comunale "Narciso Soldan": operazione da 600 mila euro

Un vero e proprio restyling è quello che da circa un mese è iniziato allo stadio comunale "Narciso Soldan", in via Stadio a Conegliano.

Lavori per un totale di circa 600 mila euro di risorse comunali che, salvo cambiamenti in corso d'opera, potrebbero concludersi entro il periodo autunnale.

Come ha spiegato il vicesindaco Claudio Toppan, una prima programmazione su quell'intervento era stata fatta prima dello scoppio della pandemia, programmazione che è poi stata rivista.

Infatti il progetto era stato redatto nell'ottobre 2019, poi approvato dalla giunta Chies a novembre.

Il cantiere, ora attivo, prevede il rifacimento della pista di atletica e della piazzola del salto in alto, la realizzazione di un nuovo impianto di irrigazione del campo di calcio che in precedenza era assente, la sostituzione dei seggiolini delle tribune, il ripristino delle gradinate: un restyling, in sostanza, che riguarda la struttura in generale.

kinesiostudio nuovo

"Per quanto riguarda la pista di atletica, non poteva essere rigenerata - ha spiegato Toppan - e i vari strati di cui era composta iniziavano a staccarsi".

"I lavori riguardano anche i scoli delle acque e tutta la parte di atletica viene rivista e messa a norma. - ha proseguito il vicesindaco - Per ciò che riguarda la parte dello stadio vero e proprio, il cemento era usurato e presentava delle fessurazioni e, nel frattempo, anche le scale e la ringhiera necessitavano di un'occhiata".

La storia dello stadio comunale inizia nel 1959, anno della sua inaugurazione, con una capienza per circa 3 mila spettatori: uno spazio aperto non soltanto alle competizioni calcistiche, ma anche alle gare di atletica, ai giochi studenteschi e agli eventi sportivi di solidarietà.

A partire dal 1° maggio 2006, lo stadio porta il nome di Narciso Soldan, allenatore e portiere nato a Nervesa della Battaglia e deceduto, a soli 60 anni, a Conegliano il 30 luglio 1987.

Narciso Soldan aveva indossato la maglia del Vittorio Veneto, per poi passare all'Inter, Catania, Torino, Triestina e al Milan.

Dopo l'avventura da portiere, era divenuto allenatore, seguendo le squadre del Vittorio Veneto, Conegliano, Belluno, Portogruaro, occupandosi dell'allenamento dei portieri dell'Inter.


(Fonte: Arianna Ceschin © Qdpnews.it).
(Foto: Facebook - Claudio Toppan).
#Qdpnews.it 

Print Friendly, PDF & Email

// Storie di Sport