International Peace Camp in Germania: Conegliano rappresentato da un giovane della Croce Rossa

Si chiama International Peace Camp l'iniziativa iniziata lo scorso 25 luglio nel parco nazionale di Eifel, in Germania, che proseguirà fino a domenica 9 agosto: un progetto giunto alla sua ottava edizione, organizzato dalla Croce Rossa giovanile della Renania settentrionale e dall'Accademia della Croce Rossa, rivolto a giovani di età compresa tra i 18 e i 27 anni, provenienti da ben otto Paesi europei.

Un periodo di studio e lavoro, quindi, che comprende iniziative come l'esplorazione del parco nazionale dell'Eifel, la visita alle città di Bonn, Colonia e Aquisgrana e al Museo della storia tedesca, il cui accesso era possibile inviando la propria candidatura, dimostrando un certo interesse per le culture e per la cooperazione, oltre a una determinata competenza in lingua inglese.

Tra questi, l'Italia è rappresentata da tre giovani, tra cui Daouda Thiam, quest'ultimo membro della sezione di Conegliano della Croce Rossa italiana: una partecipazione segnalata sia dal comitato regionale del Veneto della Croce Rossa, sia dallo stesso gruppo della città del Cima.

898b0f27 2b1f 43e9 b824 e3e97abf89a3

Sezione coneglianese che ha reso nota la propria soddisfazione per la presenza del giovane: "Siamo orgogliosi di rappresentare l'Italia e il Veneto con la partecipazione del nostro volontario".

Non si tratta, quindi, della classica summer school ma di un'esperienza di condivisione e di vicinanza di intenti, che assume un significato particolare in questo periodo così complesso.

Sono 20 i giovani impegnati in giornate che comprendono momenti di studio e approfondimento di tematiche quali il diritto umanitario internazionale, ma l'International Peace Camp ha previsto anche un programma di lavoro, con contributi da parte dei giovani a interventi di manutenzione, e non solo, negli istituti umanitari della Croce Rossa a Vogelsang.

Naturalmente, come hanno tenuto a precisare pubblicamente gli organizzatori, considerata l'emergenza sanitaria purtroppo non ancora conclusa, i giovani del Camp sono stati sottoposti ai test del Covid-19, prima dell'inizio dell'esperienza.

Attività di gruppo, escursioni suggestive e studio: un mix per un'esperienza di cui, forse, non tutti i giovani sono a conoscenza, ma che sicuramente pare essere un'opportunità per creare contatti con chi condivide le stesse passioni e i medesimi interessi.

In questo frangente il Veneto, e Conegliano, c'è, e tutto grazie a Daouda Thiam.


(Fonte: Arianna Ceschin © Qdpnews.it).
(Foto: Comitato Regionale del Veneto della Croce Rossa italiana).
#Qdpnews.it 

Print Friendly, PDF & Email

// Storie di Sport