Una targa in ricordo di monsignor Fausto Scapin: presto l'intitolazione degli impianti sportivi di Paré

A un anno dalla sua scomparsa, non è svanito il ricordo di monsignor Fausto Scapin tra la comunità di Paré di Conegliano: era il 18 novembre 2019 quando monsignor Scapin lasciava chi gli era affezionato, all'età di 85 anni.

Ora sarà una targa a ricordare il suo impegno a favore dei giovani e, proprio per questo, il suo nome verrà dato agli impianti sportivi di via Einaudi a Paré.

L'idea è nata dal Paré Calcio 1975, in accordo con l'amministrazione Chies e con l'attuale parroco di Paré, don Michele Maiolo.

Targa

La notizia è stata data mercoledì scorso, in occasione della messa celebrata per il primo anniversario della morte, ed è stata accolta da un fragoroso applauso da parte dei fedeli presenti.

Un'intitolazione "ritenuta giusta", "per ricordare una persona che ha fatto tanto per la comunità" e che sarà ufficiale con il prossimo campionato.

Monsignor Fausto Scapin era originario di Montegaldella, Comune del vicentino, ed era stato ordinato sacerdote a Pieve di Soligo, nel 1962.

Dal 1982 al 2016 era stato il parroco di Paré, per poi divenire collaboratore dell'unità pastorale di Paré, San Pio X e Collalbrigo, fino all'aprile 2019, pochi mesi prima della sua scomparsa.

Grande era stato il cordoglio per la sua perdita e ora, a distanza di un anno, tutto il lavoro svolto a sostegno dei giovani sarà ufficialmente ricordato.

 

(Fonte: Arianna Ceschin © Qdpnews.it).
(Foto: Facebook).
#Qdpnews.it

Print Friendly, PDF & Email

// Storie di Sport