Coronavirus a Cordignano, un morto e sette contagiati. Biz: "Altri casi sospetti, verranno sottoposti a tampone"

"In questo momento ci sono sette casi accertati di persone che hanno contratto il coronavirus a Cordignano. Erano otto. Purtroppo un nostro concittadino è deceduto". A dirlo è il sindaco, Alessandro Biz, in base ai dati che gli sono stati personalmente forniti dalle autorità preposte. "Ci sono altri casi sospetti - ha proseguito -, che verranno sottoposti al tampone".

Dalle informazioni in possesso al pubblico amministratore sembra che questo gruppo di ammalati rientri nella prima fase dell’espansione dell’epidemia, che ha interessato dei soggetti a Cordignano, e un paio di persone a Orsago.

Quindi temporalmente hanno contratto la malattia prima che venissero pubblicate e applicate le più recenti disposizioni normative. "Questa situazione conclamata - approfondisce - viene costantemente monitorata e potrebbe verificarsi anche che altri cittadini risultino positivi, fra quanti sono stati in contatto con le prime otto persone che hanno contratto il Codiv 19".

Con la promulgazione delle norme restrittive contenute della recente ordinanza ministeriale tutti sono stati invitati a rimanere a casa e a uscire solo per comprovate necessità, per recarsi dai servizi sanitari o al lavoro.

Ieri mattina fin dalle 5 del mattino il personale ed i mezzi della Savno hanno provveduto alla sanificazione delle strade a Cordignano, come del resto hanno fatto anche negli altri 43 comuni sui quali opera il Cit - Savno. Ieri ci sono state persone che hanno scelto di andar fuori casa a fare una passeggiata. «Non ci sono stati problemi particolari, - ha spiegato Biz-, mi sono confrontato anche con i carabinieri».

La stretta ai movimenti avrà degli effetti positivi? "Per poter dare una risposta a questa domanda - ha sottolineato il sindaco - è necessario che trascorrano alcune settimane. Solo allora sarà possibile tratte delle valutazioni". 

(Fonte: Loris Robassa © Qdpnews.it).
(Foto: Comune di Cordignano).
#Qdpnews.it

Print Friendly, PDF & Email

Ti potrebbero interessare

// Storie di Sport