Cordignano, cinque positivi al Covid-19, di loro uno in ospedale. Il sindaco: "Rispettate le regole di prevenzione"

Il sindaco di Cordignano, Alessandro Biz, ha reso noto che, nel suo Comune, attualmente ci sono cinque persone positive al Covid-19, di cui una è in ospedale.

“Ho sentito altri sindaci e anche nei loro territori ci sono dei casi. Si tratta di persone che per lo più - ha commentato il primo cittadino - sono asintomatiche. Magari, in generale, si tratta di individui che sono rientrati dalle vacanze”.

“Quello che è fonte di preoccupazione per noi - ha rimarcato Biz - è che c’è un nostro concittadino ricoverato. Questo è un fatto da tenere in debita considerazione e sono preoccupato per quanto potrebbe accadere nei mesi invernali. Anche se sono convito che non si ripeterà quanto è avvenuto a Cordignano nella scorsa primavera. Per questa ragione invito caldamente tutti i cittadini cordignanesi a mantenere alta la soglia di attenzione e di allerta. E li esorto a rispettare le indicazioni di prevenzione sanitaria che ci sono state date”.

A Cordignano, durante il lockdown dei mesi di inizio anno, ci sono ammalate di Coronavirus alcune decine di persone, con un importante numero di decessi. Quindi appare del tutto naturale la preoccupazione del sindaco.

Dunque i casi di positività al Covid-19 nel Comune di Cordignano sono 5, di cui uno ricoverato e gli altri in isolamento domestico.

“Rispettiamo le prescrizioni impartite dall'autorità sanitaria, - annota il capo dell’esecutivo cordignanese - manteniamo le distanze, igienizziamoci spesso le mani e al pari provvediamo a igienizzare gli ambienti. L'emergenza non è finita, ma con gli opportuni accorgimenti può essere controllata. Cerchiamo di fare tutti la nostra parte responsabilmente. Raccomando a tutti di usare sempre la mascherina nei luoghi chiusi e anche all'aperto dove non si può garantire il distanziamento di almeno un metro ed evitiamo assembramenti”.


(Fonte: Loris Robassa © Qdpnews.it).
(Foto: archivio Qdpnews.it).
#Qdpnews.it

Print Friendly, PDF & Email

Ti potrebbero interessare

// Storie di Sport