Cordignano, un milione di euro dallo Stato per i comuni di confine. Campagna: "Via a diversi progetti"

Un milione di euro, tanto arriverà nelle casse del comune di Cordignano dopo la liquidazione dei molto attesi fondi per i comuni di confine aderenti all'Assco.

Dopo la firma del Presidente del Consiglio dei Ministri del Dpcm che destina un importo complessivo di 55 milioni di euro ai comuni che confinano con le regioni a statuto speciale Friuli Venezia-Giulia e Valle d'Aosta, seguirà ora il bando.

Cordignano per ottenere i fondi dovrà rispondere con dei progetti. "Nel nostro bilancio - afferma Roberto Campagna, presidente di Assco, l'associazione che tiene le fila dei comuni di confine - questo stanziamento sarà utilizzato per più interventi. Come Giunta stiamo pensando a dei progetti a carattere culturale, sportivo e turistico per rendere il nostro comune più attrattivo".

L'associazione presieduta da Campagna nelle settimane scorse ha incontrato i comuni piemontesi e veneti che confinano con le due regioni autonome, portando la buona notizia e soprattutto fornendo il supporto tecnico per la futura partecipazione al bando.

"L'ultima volta che lo Stato erogò dei fondi ai comuni di confine era il 2012 - ricorda Campagna -. A Cordignano con quei contribuiti il comune realizzò il percorso pedonale lungo il fiume Meschio, che da via dei Tintori si collega con il ponte dei Saccon per scendere lungo via Vittorio Veneto e congiungersi con via Rangoni, per salire a Villa di Villa".

I comuni coinvolti della provincia di Treviso, oltre a Cordignano, sono Fregona, Gaiarine, Gorgo al Monticano, Mansuè, Meduna, Portobuffolè e Sarmede.


(Fonte: Redazione Qdpnews.it).
(Foto: archivio Qdpnews.it).
#Qdpnews.it 

Print Friendly, PDF & Email

// Storie di Sport