Furto nella parrocchiale di Farra di Soligo e alla Madonna delle Grazie a Soligo. Don Brunone: "Bottino misero"

Nuovo furto, a distanza di due anni dall'ultimo episodio, nella chiesa parrocchiale di Farra di Soligo e nel tempietto della Madonna delle Grazie a Soligo. Rubati pochi spiccioli dalle cassette delle offerte, per un valore di non più di dieci euro: l'ennesimo caso che ha lasciato basito don Brunone De Toffol, quando ha scoperto il furto nella serata di domenica.

"Penso che ad agire siano state le stesse persone arrestate due anni fa - ha precisato don Brunone -, le quali, piuttosto di chiedere aiuto a me, fanno il giro delle chiese senza avere rispetto per i luoghi sacri, che tengo aperti per consentire alle persone di andare a pregare. Dispiace per il gesto, anche perchè, come sempre, sono di più i danni arrecati alle serrature delle cassette che il valore del loro contenuto: ci saranno stati dai 5 ai 10 euro. Noto che, ultimamente, c'è una diffusa mancanza di rispetto per i luoghi sacri, ma anche per gli spazi pubblici e per le abitazioni private, ad esempio sono stati trovati dei rifiuti abbandonati a San Gallo e in piazza a Farra e c'è stato un atto vandalico a Borgo Grotta". 

"Probabilmente, entro l'agosto del 2020, installeremo le telecamere nella chiesa di Farra - ha concluso De Toffol -, perchè ricollocheremo al suo posto il quadro cinquecentesco di San Giorgio, che è stato realizzato dal pittore coneglianese Francesco Beccaruzzi e che è stato restaurato gratuitamente dalla scuola di restauro di Monticello Conteotto, in provincia di Vicenza".

(Fonte: Luca Nardi © Qdpnews.it).
(Foto: archivio Qdpnews.it).
#Qdpnews.it

Print Friendly, PDF & Email

// Storie di Sport

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies.