Il vescovo ausiliare di Gerusalemme a Soligo per benedire l’ulivo della pace in ricordo di papa Albino Luciani

Le comunità parrocchiali di Farra di Soligo ieri, sabato 14 settembre, hanno accolto un altro illustre ospite: su invito di don Brunone De Toffol è giunto a Soligo monsignor Giacinto Bulos Marcuzzo, vescovo ausiliare di Gerusalemme.

È stata una serata intensa, dedicata ai temi della pace e della misericordia, che è stata incentrata sulla figura di Albino Luciani, papa Giovanni Paolo I, vescovo di Vittorio Veneto e Patriarca di Venezia.

Un evento molto partecipato che ha avuto il suo focus al centro parrocchiale di Soligo, dove è stata collocata una piantina di ulivo, simbolo di rinascita dopo il diluvio universale e, soprattutto, di pace. Una cerimonia d’altri tempi in cui il vescovo, l’assessore Maria Teresa Bianco e un cittadino hanno piantato insieme l’ulivo benedetto usando una vanga ciascuno, collocando la piantina nel prato del centro parrocchiale.

Un gesto di pace che, attraverso il filo rosso della fede, ha voluto unire le comunità di Soligo e Gerusalemme nel segno della bontà, della misericordia e della pace. Tre valori su cui fu basata l’intera vita di Albino Luciani, il papa buono di Canale d’Agordo, abituato a vivere nel silenzio della fede e ad agire con messaggi semplici ma dotati di una forza ben più grande di mille parole.

(Fonte: Luca Nardi © Qdpnews.it).
(Foto e video: Qdpnews.it © Riproduzione riservata).
#Qdpnews.it

Print Friendly, PDF & Email

// Storie di Sport

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies.