Soddisfazione del sindaco Perencin per l'espulsione dello straniero violento: "Di questa gente non abbiamo bisogno"

La notizia della violenta reazione di un operaio marocchino, che il 30 gennaio scorso aveva aggredito senza motivo il titolare ed alcuni colleghi della falegnameria Mantese di Col San Martino (qui l'articolo), aveva generato molto sconcerto in tutta l'Alta Marca Trevigiana.

Il sindaco Mattia Perencin (nella foto) il giorno successivo aveva scritto al Ministro dell'Interno e al Prefetto di Treviso chiedendo che questa persona venisse espulsa dall'Italia, affermando: "Non è accettabile che per una lite possano succedere fatti così gravi. Non abbiamo bisogno nel nostro paese di persone così!" (qui l'articolo).

Oggi, lunedì 3 agosto, è stato comunicato che l'uomo sarà espulso a breve dall'Italia su decisione del tribunale di Treviso, in quanto i Carabinieri del comando provinciale hanno ritenuto l'uomo incline alla commissione di gravi reati contro la sicurezza pubblica.

Soddisfatto dell'esito della vicenda anche il sindaco Mattia Perencin: "Grazie del grande lavoro svolto dagli inquirenti, fin da subito mi ero attivato a tutti i livelli affinché il soggetto venisse espulso".

"Per il nostro paese questo fatto aveva destato profonda preoccupazione - conclude Perencin -, finalmente oggi possiamo tirare un sospiro di sollievo nella speranza che fatti come questi non accadano più. Di questa gente non abbiamo bisogno".


(Fonte: Luca Nardi © Qdpnews.it).
(Foto: archivio Qdpnews.it).
#Qdpnews.it 

 

Print Friendly, PDF & Email

// Storie di Sport