Follina Futura festeggia il riconoscimento Unesco, ma ammonisce: "Ora si lavori per tutela a salute, territorio e ambiente"

Follina Futura, la lista che siede ai banchi dell’opposizione nel comune di Follina, vuol dire la sua sul recente riconoscimento che ha visto le Colline del Prosecco di Conegliano e Valdobbiadene, che in qualche tratto si trovano sul territorio di Follina, proclamate Patrimonio Unesco, e lo fa per voce del suo capogruppo Diego Dell’Antonia.

"Siamo ben felici di questo prezioso riconoscimento e ora si cominci a lavorare sul serio per tutelare salute, ambiente e territorio di questo Patrimonio e bene comune paesaggistico. A nostro avviso, sono necessarie precise modifiche al regolamento di polizia rurale per aumentare le tutele a salvaguardia della salute dei cittadini. Inoltre, va modificato il Piano degli interventi per far sì che il territorio comunale non diventi una distesa di vigneti e per evitare quegli "interventi irreversibili" che l’Icomos ha già segnalato. La monocoltura, anche se dà reddito, cancella biodiversità e quel paesaggio che ha ottenuto il riconoscimento".

"Dal punto di vista turistico – continua Dall’Antonia – c’è da lavorare parecchio, affinché vengano messe a sistema le strutture presenti: l’albergo diffuso non funziona senza coordinamento e rete tra albergatori, ristoratori ed enti promotori. E ricordiamo, il turista non si nutre di solo prosecco, ma vorrebbe usufruire dei sentieri presenti nel territorio, che, a stagione già iniziata, versano in condizioni veramente penose, mancando di segnaletica e manutenzione".

Dall’Antonia poi conclude: "La nostra lista ha alcuni progetti e idee per dar valore al riconoscimento Unesco, in coerenza con le prescrizioni Icomos, e può metterle a disposizione dell’amministrazione corrente, se questa sarà disposta ad accoglierle".

(Fonte: Giancarlo De Luca © Qdpnews.it).
(Foto: archivio Qdpnews.it).
#Qdpnews.it

Print Friendly, PDF & Email

// Storie di Sport

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies.