Follina, ancora in prognosi riservata l'operaio vittima dell'incidente sul lavoro al lanificio Paoletti

  • Follina
  • - 22 Gennaio 2020

È stato ricoverato nel reparto di terapia intensiva dell’ospedale Ca’ Foncello di Treviso il lavoratore che lunedì 20 gennaio si è ferito in un incidente mentre puliva un macchinario al lanificio Paoletti.

L'uomo è ancora sotto osservazione e la sua prognosi rimane riservata.

Z.D., 48enne residente a Follina, sposato con una figlia, lavorava da più di 15 anni nell’azienda ed è stato ricoverato d'urgenza a causa delle ferite riportate: tra la giornata di ieri e la mattinata di oggi ha subìto diversi interventi per cercare di recuperare gli arti inferiori, gravemente danneggiati nell’incidente.

La dinamica dell'accaduto resta da chiarire e per questo gli accertamenti saranno fatti dai tecnici dello Spisal dell'Ulss 2 distretto di Pieve di Soligo, mentre i Carabinieri hanno raccolto e verbalizzato quanto avvenuto.


(Fonte: Redazione Qdpnews.it).
(Foto: archivio Qdpnews.it).
#Qdpnews.it

 

Print Friendly, PDF & Email

Grave infortunio sul lavoro, arto incastrato in un macchinario: uomo trasportato con l'elisoccorso a Treviso

  • Follina
  • - 20 Gennaio 2020

Questa mattina a Follina, si è verificato un grave infortunio sul lavoro, al lanificio Paoletti situato in via cartiera 2

L'incidente è avvenuto alle 9 circa. Un uomo sulla quarantina, per motivi ancora da chiarire, è rimasto con un arto incastrato in un macchinario durante la pulizia di quest'ultimo.

incidente lavoro 3

Sul posto sono accorsi i sanitari del 118 con un'automedica e i vigili del fuoco di Vittorio Veneto che hanno provveduto a liberare l'uomo, trasportato tempestivamente tramite elisoccorso all'ospedale di Treviso.

Per chiarire le cause dell'incidente, sono accorsi anche i tecnici dello Spisal e i carabinieri. Sul luogo del sinistro anche il sindaco di Follina Mario Collet.

Aggiornamento delle 10.10: L'uomo attualmente si trova in prognosi riservata all'ospedale di Treviso e le sue condizioni sono molto gravi.

(Fonte: Redazione Qdpnews.it).
(Foto: Qdpnews.it © Riproduzione riservata).
#Qdpnews.it 

 

Print Friendly, PDF & Email

Follina, l’esempio del luterano padre Dietrich Bonhoeffer in preparazione alla veglia diocesana ecumenica

  • Follina
  • - 12 Gennaio 2020

“È stata una serata molto interessante, perché ha presentato la figura di Dietrich Bonhoeffer, un pastore Luterano che con altri fondarono la Chiesa Luterana Confessante, un martire ucciso dai nazisti, il 9 aprile 1945, per volere diretto di Adolf Hitler”.

È uno dei commenti raccolti al termine della prima serata organizzata nella Sala dei Trecento dell’Abbazia di Follina dalla locale parrocchia e dal parroco padre Francesco Rigobello, in collaborazione con l’ufficio della diocesi di Vittorio Veneto per l’ecumenismo e per il dialogo.

Appuntamento che ha avuto luogo nella serata di giovedì 9 gennaio e al quale ha partecipato anche il vescovo di Vittorio Veneto, monsignor Corrado Pizziolo.

È stata una conversazione proposta da Fulvio Ferrario decano della facoltà valdese di teologia di Roma e un secondo appuntamento è in programma sempre a Follina il prossimo giovedì 16, con Traian Valdman, della chiesa ortodosso rumena, presidente del consiglio delle chiese cristiane di Milano.

Entrambi gli appuntamenti sono riassunti dal titolo “Il discepolo cristiano” e sono stati pensati in preparazione alla Settimana di preghiera per l’unità dei cristiani che si terrà dal 18 al 25 gennaio.

Fulvio Ferrario ha raccontato della vita di Bonhoeffer, che alla sequela di Cristo, ha vissuto il Vangelo nella sua radicalità. È stato un vero e proprio discepolo e testimone, che ha resistito contro la dittatura nazista, che ha anche cospirato contro Hitler, che insieme ad altri ha dato vita alla Chiesa Luterana Confessante.

Ferrario ha suggerito di leggere tre delle opere di Dietrich Bonhoeffer per conoscere il suo pensiero teologico: “Sequela”, “La vita comune” e “Resistenza e resa: lettere e appunti dal carcere”.

Dal confronto con l’assemblea è quindi emerso come l’ecumenismo, che coinvolge le diverse confessioni cristiane, sia di fatto l’accogliere l’altro nella sua identità, per camminare insieme, rispettandosi nelle differenze.

La veglia ecumenica diocesana si terrà sabato 18 gennaio nella chiesa del Cappuccini di Conegliano, con inizio alle 20.30, presieduta dal vescovo monsignor Corrado Pizziolo, con la partecipazione della locale parrocchia ortodossa rumena e il parroco padre Mihail Damascan.

La veglia diocesana è preparata dall’ufficio per l’ecumenismo e per il dialogo, dalla comunità religiosa dei cappuccini dal gruppo di Conegliano dei movimento dei focolari.


(Fonte: Loris Robassa © Qdpnews.it).
(Foto: Archivio Qdpnews.it).
#Qdpnews.it

Print Friendly, PDF & Email

Follina, in pensione in dottor Madi Nabil, arriva la dottoressa Marta De Biasi: per il cambio aperti gli uffici dell'Ulss

  • Follina
  • - 15 Gennaio 2020

Cambio della guardia nel Comune di Follina: è arrivata la pensione per il medico Madi Nabil, (nella foto) - con lo studio in via Roma 13 - il quale verrà sostituito dalla dottoressa Marta De Biasi.

Per scegliere di essere seguiti da quest'ultima, sarà necessario recarsi a partire da oggi, mercoledì 15 gennaio, all'Ulss per farne richiesta, dal momento che il passaggio non risulta essere automatico. Tale necessità di recarsi agli uffici dell'Ulss ha fatto storcere il naso a qualcuno sul web, al momento dell'annuncio di questo 'passaggio di testimone' tra Nabil e De Biasi.

Il nuovo medico riceverà nello stesso studio del dottor Donantonio Mondelli in via Bernardi 14 a Follina - "spero sia provvisorio", è stata commentata tale condivisione sui social - il lunedì dalle 14 alle 17, il mercoledì dalle 17 alle 19, il giovedì dalle 11 alle 13 e il venerdì dalle 11 alle 13.

Il martedì dalle 8 alle 11 e il giovedì dalle 17 alle 19, Marta De Biasi riceverà nella sede dell'Ulss di Pieve di Soligo, in via Luigi Lubin 16.

L'arrivo del nuovo medico viene salutato con entusiasmo anche dal primo cittadino follinese Mario Collet: "Proprio ieri sera ho scritto una nota di benvenuto alla dottoressa - afferma Collet - con l'augurio per la nuova professione da noi. Sono molto contento perchè ero preoccupato per il fatto che almeno 1200 persone dovevano spostarsi a Pieve. Lei vuole fare il medico di base ed è appassionata, può fare qualcosa per quegli anziani che l'hanno vista crescere da piccola. Ringrazio il dotto Nabil per quanto ha dato, per la professionalità e perchè era benvoluto da tutti. Ha lasciato il segno e un bel ricordo in oltre 35 anni di professione. Gli auguro una buona pensione. Un grazie infinito".


(Fonte: Arianna Ceschin © Qdpnews.it).
(Foto: Facebook Madi Nabil).
#Qdpnews.it

Print Friendly, PDF & Email

Follina, assalto nella notte al bancomat della Banca Prealpi SanBiagio, bottino imprecisato. Indagano i carabinieri

  • Follina
  • - 11 Gennaio 2020

Salta il Bancomat della filiale della Banca Prealpi in via Maestra, tra l’altro in zona  poco abitata. È avvenuto durante la notte alle 4 circa, quando è arrivata un’auto di grossa cilindrata, probabilmente un'Audi, con tre persone a bordo.

I malviventi a volto coperto hanno armeggiato attorno all’apparecchiatura del bancomat all’interno di un vano della banca, e dopo qualche istante è stato udito un boato nella zona.

I banditi hanno utilizzato una miscela esplosiva ad alto potenziale inserita nell’erogatore del denaro, che ha comunque permesso loro di arraffare un numero imprecisato di banconote.

a008a7d0 7087 43fc bd55 53beeab66929

Impossibile sapere a quanto ammonti il bottino che i funzionari della banca in queste ore stanno stimando con i carabinieri.

Sul posto sono accorsi i carabinieri del nucleo Radiomobile di Vittorio Veneto e della stazione di Cison di Valmarino, che hanno avviato subito le indagini avvalendosi anche delle immagini delle videocamere di sorveglianza dell’istituto di credito.

“Alla luce di quanto avvenuto - afferma il sindaco Mario Collet - si rende davvero più che mai necessario dotarsi di un numero maggiore di telecamere di sorveglianza sulle vie principali del paese. Sarà ora una delle nostre priorità”.


(Fonte: Redazione Qdpnews.it).
(Foto: Qdpnews.it © riproduzione riservata).
#Qdpnews.it

Print Friendly, PDF & Email

// Storie di Sport

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies.