Doloso l'incendio dell'Epifania in Cansiglio, visti i piromani allontanarsi, indagini dei carabinieri forestali

Non è stato un disastro solo per l’intervento tempestivo di alcuni escursionisti e dei vigili del fuoco, ma l’incendio che il giorno dell’Epifania era scoppiato ai margini della foresta del Cansiglio sopra la ex caserma poteva essere davvero pericoloso.

Sul posto si erano portati vigili del fuoco di Belluno, la Protezione civile e i carabinieri forestali per comoletare lo spegnimento e l’avvio delle indagini.

Ora pare certo che sia stato del tutto doloso, come comunicano dal’Ecoistituto del Veneto Alex Langer Michele Boato e per Mountain Wilderness Giancarlo Gazzola. Ci sono dei testimoni.

“Alcuni escursionisti - sostengono in una nota - hanno notato che due persone che li precedevano, due uomini tra i 50 ed i 60 anni di cui uno con barba e con una giacca a vento rossa e nera, abbandonavano il sentiero nel bosco ed uscivano sul pascolo, circa all’altezza della ex base militare”.

Poco dopo gli escursionisti sono arrivati vicino e hanno visto che proprio da quella zona un fuoco stava iniziando a bruciare l’erba secca, mentre i due che li precedevano si stavano allontanando velocemente.

L’intervento loro, tempestivo ha permesso di circoscrivere il il fuoco, che si stava propagando velocemente, causa l’erba secca e il periodo di pioggia scarsa.

Sarebbero bastati una decina di minuti di ritardo nell’arrivare al punto era iniziato l’incendio e a quelle poche persone sarebbe risultato difficile fermare il fuoco, “Gli stessi che hanno spento - spiegano gli ambientalisti - hanno capito che ben difficilmente era stato un caso: c’erano infatti parecchi punti di innesco, quindi un’azione voluta e premeditata. Dunque un incendio quasi sicuramente doloso e quindi qualcuno che preferisce restare del tutto anonimo compie queste azioni potenzialmente disastrose per il Cansiglio, che sa di avvertimento di tipo mafioso, forse per creare un clima di paura e sospetto continuo”.

“Chi avranno voluto avvertire mafiosamente stavolta i piromani? - si chiedono Michele Boato e Giancarlo Gazzola Forse vogliono dissuadere chi chiede l’istituzione di una Riserva Naturale? Oppure far paura a chi chiede che il Cansiglio diventi patrimonio Unesco? Oppure è l’avvertimento di qualcuno che intende far capire, colpendo nell’anonimato, che questa è “casa sua” e non vuole alcuna ingerenza esterna? La speranza è che le forze dell’ordine indaghino sull’accaduto e dissuadano dal replicarsi d queste azioni criminose”.


(Fonte: Fulvio Fioretti © Qdpnews.it).
(Foto: Mountain Wilderness Veneto).
#Qdpnews.it

Print Friendly, PDF & Email

// Storie di Sport