Vittorio Veneto, concluso venerdì scorso il progetto di manutenzione di armi e materiali del Museo della Battaglia

Sernaglia, premiati dall'amministrazione comunale studenti e sportivi meritevoli dell'anno

Vittorio Veneto, team dell'alberghiero Beltrame a Calcutta per la settimana della gastronomia italiana

Produttori di vino, dal ministero le nuove disposizioni da presentare per le dichiarazioni di vendemmia

Vittorio Veneto, riaperto oggi pomeriggio il sentiero per il santuario di Santa Augusta, operai del Comune al lavoro

Iniziative a favore dei ragazzi a Vittorio Veneto, Caldart: "Spazio alle attività dedicate ai giovani"

Vittorio Veneto, domani a San Giacomo l'addio al concessionario di gelati Silvio Pighin, morto a soli 51 anni

San Pietro di Feletto, ieri l’intitolazione della scuola media di Rua di Feletto all’ex sindaco Luigi Bazzo

Tarzo, un’immersione nella pace e nel silenzio del giardino-museo della Serenità e del Bonsai

Ippocastano secolare cade dentro il Soligo per le forti raffiche di vento: rischio “effetto diga” e chiusa via Vaccari

San Vendemiano, stamattina la "Corri in rosa": oltre mille donne a sfidare la pioggia per solidarietà

Curiosità - forse non sapevi che...

Valdobbiadene, tempesta di fulmini, uno si abbatte sul campanile di Bigolino: danni elettrici e blackout

Truffa online dei box per cavalli, denunciato un 47enne: sottratti 2.200 euro a un residente di Orsago

Vittorio Veneto, cercansi volontari per il nuovo centro sollievo, sarà attivo due mattine a settimana

San Vendemiano, festeggiata la fine dei lavori al santuario di Rocca Pietore a un anno da Vaia

Presentato a Miane il Prealpi Master Show, edizione n. 21, ci sarà Jari-Matti Latvala e un nuovo "shakedown"

Pieve di Soligo, tristezza per l’ippocastano collassato nel Soligo. Soldan: “Era un sorvegliato speciale”

Al via la sesta rassegna nazionale dei “Vini Passiti”: nella Barchessa di Villa Spada Passiti da tutta Italia

Follina presto sarà una “Città slow”, Luca Zanta: "Ce la metteremo tutta per avere questo riconoscimento"

I sottufficiali del 5° Corpo d’Armata e del Reparto Comando si ritrovano: "Lo spirito di cameratismo è ancora vivo"

Vazzola, incidente in mattinata lungo via Battisti: un'auto nel fossato e due feriti lievi

Il “Cristo della Domenica” nella Pieve di San Pietro di Feletto. Riponti: “Il lavoro non deve diventare idolo”

“Laredo Viaggi” compie vent’anni: festeggiamenti per un’agenzia ora tutta al femminile

Santa Lucia di Piave, si consegnano le tabelle e i cartelloni per il Cammino del Beato Frà Claudio fino a Chiampo

Furto in appartamento a Cordignano: ladri in fuga tentano di investire i carabinieri a Orsago

Fregona, tre nuove attività in pochi mesi rivitalizzano il paese, il Comune premia il coraggio di chi investe

I 15 lavori più ricercati e meglio pagati in Italia

Avab in prima linea tra sabato e domenica: controllati gli argini del Piave e abbattuti alcuni alberi in montagna

Santa Lucia, il Comune deve provvedere a tre famiglie sfrattate con minori, Szumski: "Non abbiamo 100 mila euro"

Sono stati 80mila gli alpini che hanno sfilato per le vie della città, applauditi dai trevigiani assiepati lungo il percorso o affacciati ai balconi imbandierati. Salutati dal presidente dell’Ana Sebastiano Favero, dal governatore veneto Luca Zaia, dal sindaco Giovanni Manildo, dal comandante delle Truppe Alpine generale Federico Bonato e dai vertici della Difesa: il ministro Roberta Pinotti (nella foto sopra),  i generali Claudio Graziano, Danilo Errico e numerose altre autorità del territorio tra sindaci, assessori comunali e consiglieri provinciali capitanati dal presidente Stefano Marcon.

Tantissime le persone che hanno assistito alla sfilata, assiepati lungo le transenne che delineavano il percorso. Una festa per la città, ore di allegria che rimarranno nella memoria dei trevigiani e del territorio che ha accolto questa meravigliosa Adunata. Tanti gli striscioni in sfilata hanno reso omaggio all’Adunata del Piave, ricordata con il motto “Alpini da Caporetto al Piave per servire l’Italia. Ora come allora”. Su quelli più significativi si leggeva “L’amor di Patria per noi è ancora un valore”, “Gli alpini non hanno confini, aiutano tutti”, “Ieri sul Grappa, oggi qui per il futuro dell’Italia”, “Il Piave mormora e noi lavoriamo in silenzio”, oppure quelli legati al futuro, come “Non ci faremo relegare nei libri di storia”. Non sono slogan, ma valori declinati, sono speranze, sono certezze come quella scritta su uno dei tanti striscioni: “Alpini una volta, alpini sempre”.

Adunata alpini Alpino
Molti i momenti emozionanti. Con gli alpini del Gruppo di Rosà (Sezione di Bassano del Grappa) ha sfilato anche Riccardo Cerantola, artigiano di Cartigliano del 7° Alpini, 167ª mortai del battaglione “Pieve di Cadore”, malato di Sla e costretto su una sedia a rotelle. E’ stato abbracciato dal presidente Favero e dal governatore Zaia. Tra i più festeggiati l’artigliere da montagna Silvio Biasetti (nella foto sopra),  biellese di 104 anni: bastone in mano ha percorso gli oltre due chilometri della sfilata, salutato dalla gente e dalle autorità. Una delle particolarità delle Adunate è proprio la presenza di tanti “bocia”, accanto ai “veci”, in uno scambio generazionale che è anche una risorsa per il Paese. Ne sono prova i tanti giovani che fanno parte della Protezione Civile Ana che nei mesi scorsi hanno lavorato con abnegazione in soccorso alle popolazioni terremotate del Centro Italia, dove gli alpini ritorneranno presto per realizzare, con gli oltre 2milioni di euro raccolti, quattro progetti di ricostruzione dell’Associazione Nazionale Alpini.

 

Il mulo Iroso, ultimo “najone” reduce della leva (ha 38 anni che, convertiti in quelli di un uomo equivalgono a 114 anni), ha invece sfilato nel reparto salmerie di Vittorio Veneto con il suo proprietario, l’alpino Toni, che l’ha acquistato all’asta salvandolo da un destino poco glorioso. Accanto alle penne nere in congedo hanno sfilato anche i molti sindaci e gli alpini in armi che già nei giorni precedenti avevano allestito a Treviso la "Cittadella militare", visitata da 135mila persone.

Gli applausi più fragorosi sono stati tributati ai padroni di casa della Sezione di Treviso, guidata dal presidente Raffaele Panno, che hanno chiuso oltre 13 ore di sfilata, insieme ai collaboratori del Comitato Organizzatore Adunata, guidato da Luigi Cailotto. Le 145 bandiere tricolori in omaggio agli anni di costituzione delle Truppe Alpine e lo striscione “Arrivederci a Trento nel 2018”  hanno chiuso la sfilata. Il passaggio della stecca tra i presidenti della Sezione di Treviso (allargata alle Sezioni di Valdobbiadene, Vittorio Veneto e Conegliano) e di Trento, Raffaele Panno e Maurizio Pinamonti, fissano l’appuntamento per l’11, 12 e 13 maggio 2018: sarà la 91ª Adunata.

(Fonte e foto: www.treviso2017.it).
#Qdpnews.it

Print Friendly, PDF & Email

BENINFORMATI

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies.