Ieri la "Festa dell'albero" a Mareno di Piave: 350 alunni insieme a Comune e Pro Loco

È stata una mattinata all’insegna dell'ambiente quella di ieri, sabato 16 marzo 2019, a Mareno di Piave: nel cortile interno della scuola "Gianni Rodari" 350 alunni delle elementari e le famiglie dei nati nel 2018 si sono date appuntamento per l’ormai ricorrente "Festa dell’Albero", organizzata dal Comune in collaborazione con la Pro Loco Vivi Mareno.

Nel breve discorso d’inizio, il presidente della Pro Loco Franco Sossai, oltre ad aver ben rimarcato il significato ambientale dell’iniziativa, ha anche ricordato il disastro avvenuto nel Bellunese dopo il fortunale dello scorso ottobre.

“Diamo un significato particolare alla Festa dell’Albero - ha detto il sindaco Gianpietro Cattai - serve per rinvigorire lo spirito e avere una consapevolezza maggiore, anche se tardiva, verso la protezione stessa dell’ambiente”.

“La Cittadella scolastica è luogo di istruzione e di educazione per eccellenza - ha proseguito Cattai - quella di oggi è anche una piccola azione per rimediare al disastro del Bellunese, un piccolo esempio per curare il nostro ambiente”.

Un piccolo ambiente ma dai numeri assai consistenti: ben 430 le piantumazioni previste nei prossimi giorni, per la maggior parte a cura degli stessi alunni e famiglie marenesi, le quali hanno ricevuto in mano gli alberelli dai volontari dopo la cerimonia di piantumazione di tre carpini.

“È nota come festa dell’albero ma è la festa della vita - ha spiegato la dirigente scolastica Maria Zamai - la tematica dell’ambiente è importante per il suo significato civico, ovvero costruire un ambiente sano per le generazioni future. I nuovi nati sono il nostro futuro: l’alberello crescerà con loro, è un dono significativo”.

(Fonte: Thomas Zanchettin © Qdpnews.it).
(Foto: Pro Loco Vivi Mareno).
#Qdpnews.it

0
0
0
s2smodern

// Storie di Sport