Sul vigneto di Premaor parla l’onorevole Colmellere: “Incontro i cittadini, clima inaccettabile”

“Sono preoccupata per quanto accaduto a Premaor dopo l’ordinanza del Tar. In attesa di capire se l’incendio di sabato sera sia doloso o meno, mi rendo immediatamente disponibile ad incontrare i comitati e i cittadini, perché è necessario rasserenare gli animi e chiarire le rispettive posizioni”.

Con queste parole l’onorevole Angela Colmellere prende una posizione ufficiale sul nuovo vigneto di Premaor a quattro giorni dall’ordinanza del Tar che ha rigettato le istanze di sospensiva e dopo l’incendio di sabato scorso, che ha visto andare a fuoco una macchina per il movimento terra posta sotto una tettoia in loco.

“Il Comune, come i privati - specifica Colmellere - ha diritto a difendersi, e questo è stato fatto di fronte al Tar. Ora il problema si risolve abbassando i toni e avvicinando le posizioni. Tanto più che a fronte del rigetto dell’istanza del Comitato, il giudice ha statuito che il Comune debba fare i controlli sul cantiere, cosa peraltro su cui l'amministrazione non si è mai tirata indietro. Ora è giusto riportare la discussione a un piano civile, perciò incontrerò i cittadini quanto prima.

"Dall’altra parte - fa appello la deputata leghista ed ex sindaco di Miane - spero che tutti quei politici che hanno speculato su questa vicenda perdano il loro tempo in cose più utili che fomentare l’odio tra i cittadini e le istituzioni, soprattutto se sono mossi da interessi elettorali e non certo suffragati dal desidero di sostenere concretamente una causa".

"Altrimenti - e qui la Colmellere chiude - si rischia che una questione che può risolversi col dialogo o comunque con posizioni antitetiche ma esposte in modo costruttivo, diventi occasione per travalicare quello che dovrebbe essere un confronto democratico”.

 

(Fonte: Giancarlo De Luca © Qdpnews.it).
(Foto: archivio Qdpnews.it).
#Qdpnews.it

Print Friendly, PDF & Email

// Storie di Sport