Oggi la prima messa domenicale dopo il lockdown. Don Maurizio: "Settanta fedeli rispettosi delle nuove disposizioni"

Oggi, domenica 31 maggio, è la solennità di Pentecoste e per la parrocchia di Miane, Campea e Premaor è stato un nuovo inizio: oggi don Maurizio ha celebrato la prima messa domenicale insieme ai fedeli dopo due mesi e mezzo di sospensione.

Una solennità religiosa importante che è stata celebrata attenendosi alle nuove disposizioni diocesane e governative, nel rispetto delle distanze interpersonali e della sicurezza individuale e collettiva.

"È andata benino - ha affermato don Maurizio Dassiè -, alla Messa di oggi c'erano una settantina di persone, circa il 50 per cento in meno rispetto a prima dell'emergenza, quando la Messa era celebrata il sabato e la domenica. Un dato abbastanza positivo, anche se per fare un primo bilancio bisognerà attendere le celebrazioni delle prossime settimane".

"Ho notato che erano assenti soprattutto i più anziani - ha concluso don Maurizio -, tutti i fedeli sono stati molto rispettosi delle nuove disposizioni".

La solennità di oggi ha un significato di "nuovo inizio", oggi lo Spirito Santo è sceso su Maria e sugli Apostoli, un giorno di gioia per i cattolici di tutto il mondo che dovrebbe stimolare tutti a dare avvio ad un futuro di rispetto e solidarietà per il prossimo.


(Fonte: Luca Nardi © Qdpnews.it).
(Foto: Parrocchia di Miane).
#Qdpnews.it
 
Print Friendly, PDF & Email

// Storie di Sport