Montebelluna, i consiglieri d’opposizione propongono un’onorificenza al capo della protezione civile Antonio Netto

Fa sicuramente piacere che venga riconosciuto il lavoro svolto, ma io questo riconoscimento lo darei a tutti i volontari che in questi mesi hanno dato tutto loro stessi per affrontare questa straordinaria emergenza sanitaria".

Antonio Netto (nella foto sotto), responsabile della Protezione civile di Montebelluna, commenta così la proposta di consegnargli un'onorificenza arrivata dai consiglieri comunali del Pd il futuro è Adesso, Elisamaria Bressan, Davide Quaggiotto, Loreno Miotto e Silvio Tessari, attraverso una lettera inviata al sindaco Marzio Favero.

“Un riconoscimento lo darei anche - prosegue il capo della Protezione civile di Montebelluna, già insignito ufficiale dell’Ordine al merito della Repubblica Italiana - a tutti coloro che hanno contribuito con donazioni. Una ditta che ha voluto restare anonima ha donato un furgone da 30mila euro, è una gran cosa di questi tempi. Sono nella protezione civile da 30 anni, riconoscimenti personali ne ho già avuti diversi ed è vero, come dice spesso il sindaco che spesso faccio cose che vanno oltre la mia competenza, ma fa parte del mio Dna".

antonio netto

"Sono rimasto piacevolmente sorpreso dalla proposta avanzata dai consiglieri di minoranza e ne sono lusingato ma, ripeto, darei un riconoscimento a tutti i donatori e i volontari che sono stati fondamentali in questi 4 mesi, anche nei collegamenti con le istituzioni sia locali che superiori. Speriamo davvero che il virus non torni a ottobre, come temono alcuni virologi" conclude Netto.

Nel motivare la proposta, i consiglieri scrivono “Per aver dimostrato ancora una volta in questi mesi difficili, il massimo impegno nello svolgere il suo ruolo”, ed evidenziano la sua disponibilità verso le persone bisognose e le famiglie in difficoltà “che lo ha distinto in questi mesi difficili, e che da sempre lo qualifica, e il suo amore per la nostra comunità che ogni giorno esprime attraverso l’esercizio delle sue funzioni. Inoltre ricordiamo che Antonio Netto non si tira mai indietro nel momento del bisogno facendo spesso anche più del necessario. Queste sue caratteristiche lo rendono indispensabile per la nostra città, e infatti anche durante l’emergenza Covid è stato un punto di riferimento insieme alla sua squadra, per tutti noi cittadini”.

protezione civile

Elencando le azioni svolte da Antonio Netto, i consiglieri ricordano la prontezza nel riorganizzare l'ospedale di Montebelluna per l'emergenza Covid; la sua vicinanza alle famiglie e alle persone che hanno vissuto momenti di disagio, sia economico che sociale e il ruolo fondamentale svolto insieme al resto della Protezione Civile portando il cibo nelle case degli ammalati, dei bisognosi, e nella distribuzione delle mascherine.

Finita la fase acuta dell’emergenza sanitaria la Protezione civile di Montebelluna si è immediatamente trovata a dover far fronte alle conseguenze di eccezionali condizioni di maltempo: "Dopo tre mesi di continuo lavoro in emergenza, si è dimostrato sempre presente anche nei giorni delle inondazioni localizzate verificatesi nei giorni scorsi in alcuni luoghi di Montebelluna e frazioni. Per questi motivi – conclude la lettera -, come consiglieri comunali della nostra città, proponiamo a Lei, Sindaco, di dare atto a quello che riteniamo sia il volere di tutta la cittadinanza, conferendo un riconoscimento a Antonio Netto per l'impegno profuso verso i nostri concittadini, durante le operazioni e le attività di Protezione civile, in particolare nei mesi dell'emergenza Covid-19”.

 

(Fonte: Flavio Giuliano © Qdpnews.it).
(Foto: Facebook).
#Qdpnews.it

Print Friendly, PDF & Email

// Storie di Sport