Una staffetta da Colfosco fino a Moriago lungo il Piave: il 4 novembre la gara celebrativa della Fidal

Una staffetta per commemorare i 100 anni dalla fine della Grande Guerra. Si svolgerà lungo il corso del Piave, in territorio trevigiano, domenica 4 novembre, giornata simbolo delle celebrazioni per il Centenario della fine del primo conflitto mondiale.

Sarà una gara a tutti gli effetti, inserita anche in calendario federale, ma rappresenterà soprattutto un momento di valorizzazione degli aspetti storici ed educativi legati ad un territorio che, un secolo fa, fu teatro di eventi tragici, costati migliaia di morti.

La Staffetta del Centenario – questo il nome dell’evento - si svilupperà per una quindicina di chilometri, correndo in parallelo al corso del Piave. Cinque le frazioni previste, tutte di lunghezza diversa. La partenza sarà a Colfosco, in prossimità della statua del Cristo. Il primo cambio avverrà all’inizio del lungo rettilineo che porta a Falzè di Piave. Il secondo passaggio di testimone sarà in piazza a Falzè di Piave, il terzo in piazza a Sernaglia della Battaglia, il quarto e ultimo a Moriago della Battaglia.

Di particolare suggestione l’arrivo, che sarà posizionato all’interno dell’Isola dei Morti, l’area naturalistica e monumentale dove tra la fine di ottobre e l’inizio di novembre del 1918 si sviluppò l’offensiva della Battaglia della Vittoria, che portò alla conquista di Vittorio Veneto e alla fine della Grande Guerra.

La Staffetta del Centenario verrà organizzata dal Comitato provinciale della Fidal e sarà aperta agli atleti del settore assoluto e delle categorie master. C’è anche un precedente storico.

“Nel 1968, in occasione del Cinquantenario, sullo stesso percorso, si svolse una staffetta organizzata dal Csi – spiega il presidente del Comitato provinciale della Fidal, Oddone Tubia (nella foto) -. Il percorso della manifestazione del 4 novembre sarà identico all’originale. Sarà una gara, ma non solo. Nella zona d’arrivo organizzeremo una staffetta per le categorie giovanili, su un percorso ridotto di 400 metri, e altri eventi collaterali. La manifestazione sarà inserita nel calendario regionale della Fidal. Abbiamo già coinvolto il Coni e le sezioni Ana di Conegliano e Valdobbiadene”.

Lungo le sponde del Piave, il prossimo 4 novembre, tornerà a correre la Storia. Per non dimenticare. E riconoscere il giusto tributo a chi, un secolo fa, sacrificò la propria vita nelle ultime, drammatiche fasi del primo conflitto mondiale.

(Fonte e foto: Fidal Treviso).
#Qdpnews.it

Print Friendly, PDF & Email

// Storie di Sport

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies.
Maggiori informazioni Accetto