I Comuni di Moriago e Sernaglia della Battaglia all'insegna della storia, ricordando la Grande Guerra

Quello che si è appena concluso è stato, per il Comuni di Moriago e Sernaglia della Battaglia un fine settimana all’insegna della storia, ricco di memoria ed emozioni.

Il preludio si è avuto sabato 26 ottobre, quando una cinquantina di congedati del 14° Battaglione Bersaglieri “Sernaglia” ha scelto come sede del loro raduno annuale Falzè di Piave.

A questo reparto, erede diretto del 72° Reparto d’Assalto che nell’ottobre del 1918 attraversò il Piave e prese dopo una strenua resistenza la frazione sernagliese, nel 2009 è stato intitolato il Piazzale di Via Piave. Nella mattinata un’escursione sul Montello, nel pomeriggio ha avuto luogo la cerimonia ufficiale, in cui i congedati del “Sernaglia”, dopo aver “battezzato” i loro gagliardetti regionali nelle acque del Sacro Piave, hanno deposto una corona d’alloro presso il monumento ai caduti di Piazza Arditi e poi, spostandosi al caratteristico passo di corsa dei fanti piumati, presso il piazzale 14° Sernaglia ci sono stati i discorsi ufficiali.

In serata, presso il Cea Museo Media Piave di Fontigo, gli appassionati studiosi dei gloriosi Reparti d’Assalto Carlo Bianchi e Antonio Mucelli, nonché membri della Federazione Nazionale Arditi d’Italia, hanno tenuto un’interessante conferenza sugli Arditi.

Non è mancato un approfondimento riguardante la “Battaglia della Sernaglia”, visto il luogo della conferenza e la concomitanza di data; infatti proprio la notte tra il 26 e 27 ottobre 1918 le nostre truppe iniziarono l’offensiva con l’attraversamento del Piave.

t

Domenica 27 le cerimonie più toccanti. Alle 9 a Sernaglia si è svolto l’alza bandiera e l’onore ai caduti presso il Monumento agli Arditi, che quest’anno ha compiuto 100 anni: è stato infatti eretto il 20 ottobre 1919 nel centro della piazza.

Il momento è stato particolarmente importante poiché la Federazione Nazionale Arditi d’Italia e il suo medagliere sono tornati a Sernaglia dopo molti anni. Sui gradoni del monumento il Presidente Nazionale Massimiliano Ursini ha ricordato il sacrificio di quei giovani ragazzi caduti sul campo di battaglia, e ha inoltre sottolineato che il Comune di Sernaglia aveva conferito la cittadinanza onoraria agli Arditi della Grande Guerra. Il sindaco Mirco Villanova ha dato il benvenuto ai convenuti e il parroco don Mirko Dalla Torre ha benedetto i labari presenti.

Alle ore 10 si è svolta la cerimonia presso l’Isola dei Morti. In seguito dal Cippo, proprio come gli Arditi, i presenti sono risaliti fino in Piazza della Vittoria a Moriago, dove alle 11 è stata posta una corona d’alloro alla targa dedicata al XXII° Reparto d’Assalto, liberatore di Moriago, collocata all’ingresso di Via Arditi lo scorso ottobre.

Infine presso l’ingresso del Municipio, è stata scoperta la lapide originaria della facciata sud della piramide dell’Isola dei Morti, accuratamente restaurata e murata presso la sede municipale, recante un verso de “La Preghiera di Sernaglia” di D’Annunzio.

Il tutto si è concluso presso la Casa degli Alpini di Moriago per un momento conviviale. Queste giornate molto intense hanno un valore inestimabile: mantenere vivo e trasmettere alle nuove generazioni il ricordo dei tragici eventi che hanno visto protagonisti in prima persona il nostro territorio e le nostre popolazioni cent’anni fa.

(Fonte e foto: Comune di Moriago della Battaglia).
#Qdpnews.it

Print Friendly, PDF & Email

// Storie di Sport

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies.