Pederobba, dismissione quote di patrimonio immobiliare: asta pubblica per immobile di proprietà comunale

L’amministrazione comunale di Pederobba, con l’obiettivo di attuare le svariate iniziative in programma nei prossimi mesi, ha optato per l’apertura della procedura di vendita di un’unità immobiliare di proprietà comunale situata in via Belvedere numero 30 nella frazione di Covolo.

Si tratta di una scelta precisa con la quale il Comune di Pederobba ha deciso di intraprendere un percorso molto chiaro: valorizzare il patrimonio pubblico inutilizzato per ottenere delle risorse da poter investire in determinati progetti, evitando di sottrarle ad altri ambiti o, ancor peggio, di indebitarsi.

L’immobile in questione è una porzione di schiera centrale con scoperto e si trova in una zona residenziale molto tranquilla. L’abitazione è dotata di due piani fuori terra e di un vasto piano interrato; il prezzo a base d’asta stabilito è di 115 mila euro.

Il termine per la presentazione delle offerte, in rialzo, è stabilito entro le ore 12 del giorno 15 luglio 2020 e tutta la documentazione relativa alla procedura è reperibile all’interno della sezione “news” del sito istituzionale del Comune di Pederobba.

“Abbiamo voluto aprire la procedura di vendita dell’unità residenziale di via Belvedere 30 per valorizzare il patrimonio pubblico non più funzionale alle attività e ai servizi erogati dal Comune - spiega Doriano Stanghellini, assessore ai lavori pubblici del Comune di Pederobba - Crediamo infatti che, ove possibile, per realizzare un’opera pubblica sia più lungimirante procedere alla dismissione di quote di patrimonio immobiliare non più indispensabile piuttosto che indebitarsi”.

“Ciò consente inoltre di liberare importanti risorse che diversamente sarebbero state destinate alle necessarie manutenzioni - conclude - pena il rapido decadimento del valore del bene. Spero che qualche cittadino possa aderire alla proposta di vendita essendo l’immobile inserito in un pregevole e confortevole contesto urbano della frazione di Covolo”.

Questo tipo di approccio nei confronti dei beni pubblici, non più funzionali alle esigenze degli enti locali, sembra essere l’unica risposta possibile rispetto alla difficoltà di reperire fondi per realizzare altre opere e, soprattutto, all’onerosità di interventi di manutenzione su strutture che, di fatto, sono inutilizzate.

Si tratta di un percorso e di un cambio di mentalità che alcune amministrazioni comunali hanno sperimentato con ottimi risultati e che potrà rafforzarsi sempre di più anche in futuro.

 

(Fonte: Andrea Berton © Qdpnews.it).
(Foto: Comune di Pederobba).
#Qdpnews.it

Print Friendly, PDF & Email

// Storie di Sport