Si preannuncia un’annata abbondante e di qualità per la vendemmia 2018: parola di Innocente Nardi (nella foto in alto), presidente del consorzio Conegliano-Valdobbiadene docg.

Le uve sono molto belle e sane, siamo soddisfatti. Rispetto al 2017, un’annata difficile per le gelate e le numerose grandinate, quest’anno stimiamo un incremento di produzione delle uve fra il 5 e l’8 per cento e la vinificazione di circa 780 mila ettolitri atti a diventare Conegliano Valdobbiadene docg”.

Un’annata 2018 in linea con quelle del 2015 e 2016 anche dal punto di vista economico. Nardi infatti ha annunciato: “Nel 2017 c’era stato un incremento dei prezzi del 20 per cento a causa di una minore produzione generalizzata e di un deciso calo in alcune zone della Docg, quali Refrontolo, Rolle, Solighetto e il Vittoriese. Quest’anno, invece, rispecchieremo il trend positivo del 2015 e 2016: il prezzo al chilo delle uve docg oscillerà tra 1 euro e 45 centesimi e 1,60 più Iva”.

Vendemmia Consorzio

“La nostra denominazione è ristretta a 15 Comuni – ha concluso Nardi - e le nuove piantumazioni nella parte nord della dogc, zona boschiva, non sono consentite. Una crescita delle superfici è avvenuta solo a sud della denominazione, in pianura. Ciò significa che la produttività dei vigneti, con piccole oscillazioni, da qualche anno è costante, così come i prezzi di vini e uve fissati dal Consorzio. Per questa ragione siamo molto soddisfatti ed invitiamo i produttori ad essere fiduciosi, augurando loro una buona continuazione di questa abbondante vendemmia 2018”.

(Fonte: Luca Nardi © Qdpnews.it).
(Foto: archivio Qdpnews.it).
#Qdpnews.it