Successo per lo “yoga educativo” alla primaria: asana, respirazione e rilassamento incantano i bambini

Nella scuola primaria di Barbisano è sbarcato lo yoga grazie a un progetto dal titolo: “Yoga educativo a scuola: per crescere bambini felici e consapevoli”.

Da tempo lo yoga e i diversi tipi meditazione orientale vengono apprezzati e studiati anche in Occidente, focalizzandosi sugli indiscussi benefici psicofisici per l’uomo.

Considerando lo stress e la vita frenetica che caratterizza le nostre giornate, ragionamento da poter estendere anche ai giovani scolari sempre più affaccendati, non mancano le iniziative di avvicinamento al patrimonio di conoscenze, pratiche ed esercizi legati alle discipline orientali.

La scuola di Barbisano, proponendo questo percorso per i propri alunni nei mesi di ottobre, novembre e con l’incontro finale di gennaio, si è dimostrata attenta e aggiornata rispetto alle nuove frontiere dell’educazione che cercano nuovi approcci e soluzioni per migliorare la didattica in un contesto globalizzato.

La realizzazione del progetto è stata possibile grazie alla collaborazione tra scuola, famiglie e amministrazione comunale di Pieve di Soligo.

FOTO BARBISANO 3

Questo percorso, infatti, è stato finanziato dal Comune con le risorse stanziate in precedenza per il progetto “Piedibus”.

“Ringraziamo l’assessore all’istruzione Elena Bigliardi - hanno affermato le maestre della primaria - e le mamme di Barbisano che si sono turnate nella realizzazione del “Piedibus”. Il progetto ha coinvolto tutti i bambini del plesso con ben otto interventi per ciascuna classe. A conclusione del progetto, giovedì 16 gennaio, è stato realizzato un incontro di restituzione con i genitori che hanno avuto l’opportunità e il piacere di conoscere l’attività svolta dai loro bambini e di condividere gioiosamente una lezione con loro”.

“I genitori dei nostri alunni - proseguono - sono ritornati per un’ora loro stessi dei bambini, partecipando con i figli ai giochi e alle attività proposte. Gli obiettivi del progetto sono stati diversi: conoscere il proprio corpo, imparare a giocare senza competizione e in cooperazione con i compagni, imparare a rilassarsi e a respirare, sviluppando e affinando la capacità di concentrarsi”.

FOTO YOGA

“L’apprendimento - aggiungono le maestre - è avvenuto attraverso l’esperienza diretta generata dalle attività proposte, grazie anche alla sperimentazione in una struttura dove si impara a relazionarsi con l’altro e a condividere le emozioni. Le proposte sono state numerose: cerchio di apertura, gioco di scarico, respiro dinamico, rilassamento, ascolto, asana (posizioni o posture), giochi di contatto e cerchio di chiusura”.

“L’iniziativa è stata apprezzata molto da bambini, famiglie e insegnanti - concludono - rappresentando sicuramente un’esperienza molto positiva che meriterebbe di essere ripetuta il prossimo anno scolastico, magari aumentando il numero di interventi per classe. I bambini hanno raccontato di essersi sentiti bene: erano tutti sereni e molto rilassati. Qualche bimbo, inoltre, ha scritto che quando fa yoga si sente in pace con il mondo”.

(Fonte: Andrea Berton © Qdpnews.it).
(Foto: Scuola Primaria Barbisano).
#Qdpnews.it 

Print Friendly, PDF & Email

// Storie di Sport