Pieve di Soligo, Unicredit chiusa per sanificazione, il sindaco tranquillizza: "Non è un caso di coronavirus"

Il sindaco Stefano Soldan è categorico: "Non ci sono casi di coronavirus a Pieve di Soligo, si stanno solo seguendo i protocolli del caso. Non c'è alcun pericolo".

Il caso è il cartello apparso ieri sulle vetrate dello sportello Unicredit di piazza Vittorio Emanuele II che ha dato adito a una serie di interpretazioni e illazioni in rete. Con dovizia di commenti preoccupati. 

Recita (vedi foto): "Si avvisa la gentile clientela che l'agenzia, (oggi mercoledì 4 marzo) rimarrà chiusa per intervento tecnico", in pratica la sanificazione dei locali. E il perchè è stato anche spiegato: pare che un parente di un impiegato della sede della banca pievigina, di Treviso, sia stato contagiato, ed è uno dei ricoverati a Ca' Foncello.

Tuttavia l'impiegato della banca non ha contratto il contagio. Ha fatto i controlli, è del tutto asintomatico, come pure i famigliari che potrebbero aver avuto contatti con il parente malato. Tuttavia  come previsto dai protocolli sanitari di prevenzione, in questi giorni è rimasto a casa.

Immagine del 03 03 20 alle 18.47

Unicredit ha deciso comunque di propria iniziativa di dedicare un giorno comunque alla sanificazione e di lasciare dunque a casa il personale per effettuare le opportune verifiche nell'agenzia e per il tempo che questo richiederà.

"Non c'è alcun caso a Pieve, sia chiaro a tutti - afferma Soldan -: è solo una misura precauzionale che è stata presa dalla banca, ho fatto le verifiche del caso, e sentite tutte le autorità competenti. Mi hanno chiamato in tanti ma questo è quanto". 

(Fonte: Fulvio Fioretti © Qdpnews.it).
(Foto: Qdpnews.it © Riproduzione riservata).
#Qdpnews.it

 

 

Print Friendly, PDF & Email

// Storie di Sport