Anche a Pieve di Soligo il cartellone con l’arcobaleno per aiutare i piccoli ad affrontare l’emergenza

Torneremo tutti ad abbracciarci di nuovo”: questo il messaggio scritto in un cartellone, con il disegno di un arcobaleno, appeso fuori da una casa di Pieve di Soligo.

Un bel gesto di speranza, che in questi giorni tante famiglie italiane hanno deciso di sposare, pensato per coinvolgere i bambini in un’attività che li impegni ad affrontare l’emergenza Coronavirus con le armi dei più piccoli: la fantasia, i colori e i sorrisi.

Uno degli aspetti più difficili di queste ultime settimane, infatti, è quello di spiegare ai bambini il motivo per il quale l’Italia intera ha dovuto rivoluzionare le proprie abitudini per evitare il contagio da Covid-19.

Tante le domande che si pongono i bambini: Perché non posso andare a scuola? Perché non posso vedere i miei amichetti? Perché non posso giocare al parco con altri ragazzi?

Davanti a questi quesiti, spesso gli adulti non trovano le parole giuste per non urtare la sensibilità dei bambini. Grazie alla fantasia, cercando di entrare nel mondo dei più piccoli, c’è chi si è inventato l’idea dei cartelloni con l’arcobaleno che piacciono tanto ai bambini.

Tra le mamme che hanno creduto in questa iniziativa anche Erminda Brunelli, presidente della Pro Loco di Pieve di Soligo, che ha voluto pubblicare nei social il cartellone con l’arcobaleno realizzato insieme alla sua bambina.

“Noi fuori dal cancello di casa abbiamo voluto lasciare un messaggio colorato e di speranza - si legge nel post su Facebook del presidente della Pro Loco di Pieve di Soligo - Magari quando tutto questo periodo passerà, ci renderemo davvero conto di quanto sia importante abbracciare i nostri cari, e le persone a cui vogliamo bene”.

Non è mancato un pensiero per le attività del suo paese, ricordando anche le iniziative della Pro Loco che, purtroppo, sono state cancellate (prima fra tutte quella del “Rodolet”, l’antico gioco pasquale per i bambini).

“Voglio far sentire a tutte le attività del nostro paese - prosegue Brunelli in un messaggio nella pagina dei volontari della Pro Loco -, che in questi ultimi giorni hanno chiuso temporaneamente, tutta la vicinanza possibile a nome della Pro Loco di Pieve di Soligo. Ripartiremo ragazzi”.

La speranza è che l’iniziativa del cartellone con l’arcobaleno si possa diffondere nelle case di tutte le famiglie italiane, impegnate a far comprendere ai loro bambini, senza spaventarli, la difficoltà di questo periodo per tutta la nazione.

(Fonte: Andrea Berton © Qdpnews.it).
(Foto: Facebook - Erminda Brunelli).
#Qdpnews.it 

Print Friendly, PDF & Email

// Storie di Sport