Cordoglio a Solighetto per la scomparsa del 45enne Simone Bottegal. La famiglia: “Amava la sua libertà”

La comunità di Solighetto è in lutto per la prematura scomparsa del 45enne Simone Bottegal, mancato all’affetto dei suoi cari nella serata di ieri, mercoledì 11 marzo 2020.

Simone, che viveva nella frazione di Pieve di Soligo, lavorava nell’azienda di famiglia come imprenditore.

I genitori Piero e Franca e gli amici lo ricordano come una persona gentile, colta, molto retta, libera e fiera della sua autonomia.

Ha saputo affrontare con coraggio e determinazione una malattia che dal 2004 è tornata a più riprese condizionando la sua vita. Simone ha sempre combattuto, riprendendo nelle sue mani la vita e il lavoro che svolgeva con passione e successo.

Aveva tanti amici che gli sono stati vicini e che lo hanno sempre sostenuto.

Il prossimo sabato 14 marzo 2020 sarà celebrata una breve cerimonia di commiato nel cimitero di Pieve di Soligo, con la speranza di poter fare una messa di suffragio alla fine di questo periodo di emergenza.

Oltre agli amici e ai parenti, i genitori ringraziano il dottor Ballerini con il reparto di medicina dell’ospedale di Vittorio Veneto e il reparto di terapia intensiva e rianimazione dell’ospedale di Conegliano.


(Fonte: Andrea Berton © Qdpnews.it).
(Foto: per gentile concessione della famiglia).
#Qdpnews.it

Print Friendly, PDF & Email

// Storie di Sport