Il consiglio comunale a porte chiuse vota all’unanimità per la richiesta del titolo di “Città” per Pieve di Soligo

In un consiglio comunale insolito, con assessori e consiglieri comunali seduti a distanza di sicurezza, e in qualche caso anche con la mascherina, si è discusso della possibilità di formulare la richiesta per la concessione del titolo onorifico di “Città” per Pieve di Soligo.

Il Presidente della Repubblica, su proposta del Ministro dell’Interno, può concedere il titolo onorifico di “Città”, ai sensi dell’articolo 18 del decreto legislativo numero 267 del 2000, che può essere attribuito ai Comuni insigni per ricordi, monumenti storici e per l’attuale importanza.

La proposta, nata da un’idea dell’assessore pievigino Danilo Collot e condivisa dalla giunta comunale, va nell’ottica di dare ulteriore prestigio a una comunità che vanta diverse eccellenze nel campo della cultura, dell’enogastronomia e dell’impresa.

“Penso che questa possibilità sia interessante - ha dichiarato durante il consiglio comunale l’assessore Collot - Pieve di Soligo ha diversi personaggi illustri, da Francesco Fabbri a Zanzotto, fino ad arrivare al Toniolo e a molti altri. Siamo Città dello Spiedo e anche sede del Consorzio del Conegliano Valdobbiadene Docg, oltre ad essere il cuore del nuovo sito Unesco. Non ci mancano certamente le caratteristiche per ottenere questo riconoscimento”.

Una volta messo ai voti questo specifico punto all’ordine del giorno, tutti i consiglieri comunali presenti hanno votato all’unanimità per la richiesta, pienamente condivisa anche dai consiglieri di opposizione.

Alla fine del consiglio comunale, il sindaco Stefano Soldan ha specificato che per Pieve di Soligo non ci sono state comunicazioni di casi di positività al Covid-19.

Inoltre, il sindaco ha aggiunto che molte aziende del territorio fermeranno le loro attività già dal prossimo lunedì, visto che la parte commerciale è sospesa oltre ai grandi problemi per chi esporta all’estero.

Per molti lavoratori, inoltre, sarà attivata la cassa integrazione per cercare di venire incontro alla situazione di inattività legata ai provvedimenti restrittivi e alle limitazioni necessarie per fermare il contagio da Covid-19.

“Per ora il tessuto economico sta reggendo - ha affermato il primo cittadino di Pieve di Soligo -, cerchiamo di fare tutti la nostra parte”.

(Fonte: Andrea Berton © Qdpnews.it).
(Foto: Qdpnews.it © Riproduzione riservata).
#Qdpnews.it 

Print Friendly, PDF & Email

// Storie di Sport