Pieve di Soligo, “Numero Amico” e altri servizi attivi in caso di bisogno durante l’emergenza



Il Comune di Pieve di Soligo ha attivato un numero di telefono speciale attraverso il quale chiedere informazioni utili sui servizi attivati per l’emergenza Covid-19.

Il nuovo “Numero Amico” (3292906501) è attivo dal lunedì al venerdì, dalle ore 9 alle ore 12, e grazie a questo servizio è possibile avere informazioni sulla consegna della spesa e dei medicinali a domicilio, sui numeri utili o su altre informazioni come autocertificazione, spostamenti, trasporti e buoni spesa.

Per tutte le donne che stanno vivendo situazioni di violenza e maltrattamento, inoltre, è stato ampliato l’orario per parlare con le operatrici che saranno a disposizione tutti i giorni, dalle 9.30 alle 12.30, e il martedì e giovedì anche dalle 15.30 alle 18.30.

Per contattare il centro antiviolenza “Stella Antares” si può telefonare al numero di cellulare 3899134831.

È inoltre attivo uno spazio gratuito di ascolto e sostegno psicologico, gestito da psicologi dell’associazione “Centro per la Famiglia Onlus-Consultorio Familiare Socio Educativo di Conegliano”, grazie all’iniziativa “Parla con me” (043832053).

“Comunico che la consegna delle mascherine della Regione Veneto è stata ultimata in tutto il Comune di Pieve di Soligo e nelle due frazioni, Barbisano e Solighetto - ha aggiunto Tobia Donadel, assessore ai servizi sociali e demografici del Comune di Pieve di Soligo - L’amministrazione comunale di Pieve di Soligo ringrazia tutti i volontari della protezione civile”.

“Un ringraziamento di cuore - conclude - perché, in questo difficile momento, l’aiuto di questi volontari è stato prezioso e ha consentito in tempi rapidi di consegnare tutte le mascherine: davvero un grande grazie di cuore. Con il nuovo decreto l’emergenza durerà almeno fino al 13 aprile però, in tutto questo, si sono mosse davvero tante persone e c’è stata tanta generosità. Ieri, il dottor Battistella ha donato 4000 mascherine chirurgiche che andranno ai cittadini più deboli: agli anziani, ai malati oncologici e ai cittadini più fragili. Anche a questi privati va davvero un grande grazie”.

(Fonte: Andrea Berton © Qdpnews.it).
(Video: Qdpnews.it © Riproduzione riservata).
#Qdpnews.it 

Print Friendly, PDF & Email

// Storie di Sport