Pieve di Soligo, Covid o no le Pro Loco non si fermano. Roberto Franceschet: "Protagonisti di molte iniziative"

La crisi ha costretto all'inattività diverse Pro Loco. Ancora molti dubbi aleggiano sulla ripartenza degli eventi legati alle tradizioni locali.

Riguardo a questa spinosa questione ne parliamo con Roberto Franceschet (nella foto), presidente del Consorzio Pro Loco del Quartier del Piave.

Presidente, il suo Consorzio di Pro Loco fa parte dell’Unpli. Molti però non sanno che cosa sia esattamente e di che cosa si occupi l’Unpli nello specifico. Vuole contribuire a colmare questa lacuna?

"Fondata nel 1962 esiste una Unpli (Unione Pro Loco) nazionale, diretta da un Consiglio che rappresenta le Pro Loco di ogni regione, della quale fa parte anche Il Comitato Regionale Unpli Veneto, che raccoglie in associazione le oltre 530 Pro Loco del Veneto; la sede operativa si trova a Combai e il presidente Regionale è Giovanni Follador. In collaborazione con i Comitati Provinciali e i Consorzi (come quello del QdP), il Comitato Regionale si occupa dello sviluppo di attività e progettualità mirate alla promozione e valorizzazione del territorio; a sostegno (e coordinamento) delle associazioni Pro Loco venete, per tutte le attività comprese quelle di promozione turistica a livello locale".

E qual è il ruolo del Consorzio?

"Più in piccolo, anche il Consorzio si occupa di promozione e sostegno del territorio, coordinando le attività delle numerose associazioni e pro loco di un territorio che grosso modo corrisponde a quello che ha appena ottenuto il riconoscimento Unesco. Le Pro Loco e associazioni volontarie che vi operano, hanno contribuito a far crescere negli anni il valore e la portata delle manifestazioni da loro organizzate, che sempre di più in futuro costituiranno veicoli di interesse e partecipazione per visitatori e turisti (previsti in crescita) e naturalmente anche per i residenti".

In questo periodo di emergenza, tutto fermo anche per voi?

"Non tutto, anzi. Abbiamo per esempio creato da poco un nuovo servizio gratuito a disposizionedei cittadini: il censimento di oltre 120 tra ristoranti e pizzerie che effettuano la consegna a domicilio. Il tutto promosso sul nostro sito Eventi Venetando (sezione “cibo a domicilio”) e attraverso i vari canali social è in grado di raggiungere un gran numero di persone di 23 comuni dell’area, da Vittorio Veneto a Valdobbiadene".

b550d0b2 0729 4b58 a27e a18e5db86625

Le Pro Loco hanno ben poco da organizzare, a causa delle regole che impediscono l’assembramento di persone e quindi le manifestazioni.

"Certamente per quanto riguarda le manifestazioni è tutto fermo come sappiamo bene. Mi preme tuttavia far notare che lo stesso non si può dire per le numerose iniziative ed attività di volontariato, al servizio della popolazione e soprattutto di quella parte svantaggiata, svolti in sordina e senza troppo clamore da molti dei nostri consorziati. Sono davvero numerose le pro loco e associazioni impegnate in questi giorni con iniziative varie. Anche noi come Consorzio ci siamo attivati direttamente partecipando con un contributo di 3200 euro all’acquisto e distribuzione di mascherine. E’ giusto che la gente sappia che i volontari che donano energie e tempo per l’organizzazione e gestione di manifestazioni e sagre, in alcuni casi sono gli stessi che procurano il cibo per le famiglie in difficoltà; che confezionano e distribuiscono le mascherine, consegnano la spesa per le case e che magari preparano anche uno spiedo per far passare una domenica migliore a coloro, più o meno anziani, che sono costretti in casa dalla pandemia".

Lo spiedo quindi non si ferma mai..

"A proposito di spiedo, voglio segnalare come caso esemplare quello della nostra Associazione Accademia dello Spiedo d’Alta Marca (della quale il Consorzio è socio fondatore), che in questo momento particolare ha pensato giustamente di uscire dal suo ruolo statutario, impegnandosi a raccogliere, acquistare e distribuire uova, formaggi e generi di prima necessità (compresa naturalmente qualche porzione di spiedo) a chi ne aveva più bisogno. Mi sembra un bell’esempio per fare comprendere a tutti, che il volontariato è una risorsa della società, e che la flessibilità e la capacità di adattamento fa parte del suo Dna".


(Fonte: Redazione Qdpnews.it).
(Foto: Pro Loco Pieve di Soligo).
#Qdpnews.it 

Print Friendly, PDF & Email

// Storie di Sport