Pieve di Soligo accoglie il Giro: foto storiche e decorazioni sul ponte per ricordare la passione di Gianni Spina

Un Giro d’Italia senza Gianni Spina non è stato la stessa cosa per i pievigini che ricordano con affetto la sua passione per la fotografia e la sua capacità di immortalare i momenti più belli vissuti durante le grandi manifestazioni sportive.

Anche Pieve di Soligo, uno dei Comuni interessati dalla cronometro Conegliano-Valdobbiadene, ha accolto la carovana rosa con decorazioni, festoni, disegni dei bambini e un ponte sul fiume Soligo addobbato a festa.

Lo abbiamo fatto e lo dedichiamo ai ciclisti, a questo magnifico sport e ai tanti appassionati che da sempre seguono il Giro d’Italia - spiegano dal Comune -. Lo facciamo ricordando con profondo affetto il nostro caro concittadino Gianni Spina, che sicuramente avrà allestito qualcosa in cielo. Ciao Gianni”.

Per l’occasione, infatti, sono state realizzate delle locandine con alcune foto dell’archivio fotografico del compianto Gianni Spina per ricordare il suo impegno e quello del club sportivo “Guido De Rosso”: tra gli scatti più emozionanti quello realizzato nel 1968 al 37esimo Giro del Veneto con il campione Gino Bartali in visita a Casa Spina e quelli del 1969 al Gran Premio Industria del Mobile Quartier del Piave.

Guido De Rosso, classe 1940 di Farra di Soligo, è stato un ciclista professionista dal ‘62 al ‘69, campione italiano in linea nel ‘64 e con un ricco palmares di vittorie e piazzamenti (terzo e quarto al Giro d’Italia, settimo al Tour de France).

Attorno al giovane campione si strinsero allora gli appassionati della zona: Gianni Spina e il nascente club sportivo “Guido De Rosso” riuscirono a portare in questi territori il Giro del Veneto, nel 1968, e a organizzare il primo Gran Premio Industria del Mobile Quartier del Piave, nel 1969, dando il via a una tradizione che ha portato in queste strade gare di prestigio sempre più crescente.

In paese ricordano Gianni Spina per l’entusiasmo con il quale viveva questo tipo di manifestazioni: lui sarebbe stato sicuramente felice di fotografare i campioni e i momenti di festa di questa emozionante tappa del Giro d’Italia, un appuntamento reso ancora più difficile dal Covid e dalle restrizioni che non hanno spento l’entusiasmo degli appassionati di ciclismo di tutto il Quartier del Piave.


(Fonte: Andrea Berton © Qdpnews.it).
(Foto: Facebook).
#Qdpnews.it

Print Friendly, PDF & Email

// Storie di Sport