Nuove restrizioni per bar e ristoranti. Enoteca “Corte del Medà”: “In molti saranno costretti a chiudere”

“Una seconda ondata di pesanti restrizioni non la reggeremo e in molti saranno costretti a chiudere”: queste le parole di Edi Signorotto, titolare dell’enoteca Corte del Medà di Pieve di Soligo, dopo le prime anticipazioni dell’ultimo Dpcm anti-Covid.

La riflessione di Signorotto è legata al nuovo provvedimento del Governo italiano per limitare i contagi da Covid-19 dopo la preoccupante impennata di positivi degli ultimi giorni.

Il premier Giuseppe Conte, infatti, ha firmato nella notte il nuovo Dpcm che prevede la chiusura alle ore 18 di tutti i ristoranti, i bar e le gelaterie, che, però, potranno tenere aperto la domenica e i festivi. La stretta è prevista a partire da domani, lunedì 26 ottobre 2020, fino al prossimo martedì 24 novembre.

Ora sarà importante capire come si concretizzeranno le misure di ristoro per una categoria che ha già subito grandi perdite con il lockdown primaverile e che, prima della diffusione delle notizie dei nuovi contagi, iniziava a intravedere una piccola possibilità per risollevarsi.

Il nuovo Dpcm consente senza limiti di orario la ristorazione negli alberghi e in altre strutture ricettive “limitatamente ai propri clienti”.

Tra le novità previste per le attività ristorative c’è il limite di quattro persone per tavolo, salvo che siano tutti conviventi. Resta sempre consentita la ristorazione con consegna a domicilio nel rispetto delle norme igienico-sanitarie sia per l’attività di confezionamento che di trasporto, nonché fino alle ore 24 la ristorazione con asporto, con divieto di consumazione sul posto o nelle adiacenze.

Dopo le ore 18 è vietato il consumo di cibi e bevande nei luoghi pubblici e aperti al pubblico. Il mondo della ristorazione si prepara a nuove perdite, che si aggiungono alle difficoltà incontrate in questo 2020 segnato da una pandemia che per molti è diventata un vero e proprio incubo.


(Fonte: Andrea Berton © Qdpnews.it).
(Foto: Qdpnews.it © riproduzione riservata).
#Qdpnews.it

Print Friendly, PDF & Email

// Storie di Sport