Sospesi i corsi dell’Università Adulti di Pieve di Soligo: “Sorridiamo anche se non abbiamo voglia”

Si erano impegnati tanto per confezionare un programma di corsi davvero originale, con lezioni pratiche e teoriche molto coinvolgenti, ma questo non è bastato perché gli ultimi provvedimenti governativi hanno costretto i responsabili dell’Università Adulti di Pieve di Soligo a fermare la propria attività in attesa di tempi migliori.

Studenti, collaboratori e professori sono stati avvisati anche a poche ore dalla partenza dei loro corsi sull’impossibilità di portare avanti un programma di lezioni che, fino a quel momento, non aveva creato nessun tipo di problema, dimostrando che è possibile portare avanti delle iniziative culturali e di formazione con la massima attenzione ai protocolli e alle indicazioni per il contrasto alla diffusione del Covid.

Abbiamo lavorato tanto per riaprire l’Università in tutta sicurezza: distanze, mascherine, gruppi piccoli, igiene, spazi grandi e orari differenziati - spiegano dall’Università Adulti di Pieve di Soligo - Finora tutto era andato bene e poteva continuare ma dobbiamo adeguarci e sospendere. Peccato, un vero peccato: ora non possiamo che cercare di avvisare tutti e magari farci un sorriso anche se non ne abbiamo voglia. Sentiamoci”.

Grande lo sconforto dei professori, degli studenti e dei responsabili dell’Università Adulti per questo blocco forzato che incide sull’umore di chi pensava di poter riempire le proprie giornate grazie agli stimoli che la cultura, l’arte, la musica e le attività di gruppo sono capaci di regalare.

piev


L’Università Adulti di Pieve di Soligo si era distinta anche la scorsa estate, dimostrando di essere una delle protagoniste delle iniziative culturali che l’assessorato alla cultura del Comune di Pieve di Soligo, insieme alla biblioteca e a molte associazioni del paese, ha portato avanti offrendo alla cittadinanza molte occasioni di svago e arricchimento culturale per un pubblico sempre attento e partecipe.

Ancora una volta sarà tutto da rifare ed è richiesto un grande sforzo organizzativo per fissare nuovamente i giorni delle lezioni, sperando nella disponibilità dei collaboratori e degli insegnanti che non vedevano l’ora di condividere il loro sapere in un contesto stimolante come quello pievigino.

La parola d’ordine ora è “umore alto” per evitare di lasciare troppo spazio all’amarezza che non aiuta certamente ad affrontare questa nuova fase dell’emergenza Covid con la lucidità necessaria a prendere le decisioni migliori per ogni contesto operativo.

In ogni caso, all’Università Adulti di Pieve di Soligo si è consapevoli che “la cultura salverà il mondo” o, almeno, aiuterà a non sprofondare nello sconforto in attesa di uscire dall’incubo del Covid.


(Fonte: Andrea Berton © Qdpnews.it).
(Foto: Facebook).
#Qdpnews.it 

Print Friendly, PDF & Email

// Storie di Sport