Vittorio Veneto, nuovo sollecito ad Autostrade e Anas. Fasan: "Uscita dal casello a rischio", De Nardi : "Punto nero"

Colle Umberto, i Ragazzi del Branco e la solidarietà: dalla secolare sagra i fondi per il parco giochi dell'area verde

Trionfo Zalf al 19esimo Trofeo Città di Conegliano Memorial Sanson, si impone Marco Landi con un poderoso allungo finale

Conegliano, domani al centro commerciale Conè arriva l'Adventure Park: divertimento garantito fino al 1° settembre

Veneto, la Giunta Regionale ha varato con due mesi di anticipo la manovra di bilancio 2020-2022 che vale 16 miliardi di euro

Conegliano, entro metà settembre un nuovo maxi gioco al parco intitolato ad "Arturo Benedetti Michelangeli"

Farra di Soligo, il circo “Soluna” incanta il pubblico dell’Alta Marca Trevigiana. Rapiti dalla comunità viaggiante più ecologica al mondo

Treviso, allerta per i nuovi ingegnosi furti: una ragnatela di colla può dare il via libera ai malviventi

Valdobbiadene, scoperto allevamento abusivo in via Garibaldi. Bloccata l’attività in attesa del dissequestro

Vittorio Veneto, chiesetta di San Rocco poco sicura, la messa celebrata all'esterno. Un centinaio di fedeli

Conegliano, tenta una rapina al supermercato, bloccato minaccia di ferirsi: arrestato dai carabinieri

Vittorio Veneto, Serravalle blindata per i "foghi" di Santa Augusta, divieto di sosta e transito in tutte le vie del quartiere

Vazzola, esce in bicicletta e non fa ritorno, ritrovata a Tezze nel pomeriggio la sessantenne Lina Schincariol

Miane, iniziata la distribuzione delle bottiglie del centenario con l’uva della vendemmia 2018: il ricavato alle elementari

Vittorio Veneto, lutto per la scomparsa di Renzo Busatto, fondatore dell'associazione "12 Ponti"

Barbaria, in malga con Qdpnews.it: l’alpeggio sul Cesen vive ancora tra un po’ di poesia e tanta dedizione

Pieve di Soligo, sbanda con l'auto e finisce nella scarpata, tre feriti lievi sulla provinciale a Solighetto

Conegliano, un male incurabile ha spento il sorriso di Tiziana. Il marito: "Conquistava tutti con la sua bontà"

Miane, il Comune lancia un’indagine di mercato per la gestione del nuovo palazzetto dello sport

Vittorio Veneto, multe e rimozioni, carri attrezzi all'opera per la sagra di Santa Augusta contro i parcheggi abusivi

Editoria, audiovisivi con brio sull'onda del digitale

Treviso, Mom premia chi si abbona con lo smartphone, in arrivo 8 nuovi bus, investimento da 2,2 milioni

Treviso, rinnovato il contratto di lavoro area metalmeccanica: nella Marca interessate 2.500 imprese e 13.500 lavoratori artigiani

Cybercrime, la sanità il settore più colpito in Italia

Farra di Soligo, grave incidente ieri sera a Caorle per un atleta di “La Piave Volley”. Ricoverato in rianimazione, non è in pericolo di vita

Stagione dei funghi al via, all'Ulss 2 controlli gratuiti e micologi a disposizione per ogni chiarimento

Valdobbiadene, l'istituto “Dieffe” presente al Meeting di Rimini per far conoscere il nuovo marchio: “Prodotti di classe”

Escursionista cinquantenne di Vittorio Veneto “imbarcata” con verricello dal soccorso alpino a Domegge di Cadore

Partiti i lavori per la realizzazione della pista pedonale nella zona “dell’incassero” tra Revine e Vittorio Veneto

Cison di Valmarino, curiosità e interesse per il gioco della dama. Artigianato Vivo riscopre una tradizione millenaria

Di mestiere fa il bomber, il gol da sempre nel sangue e lo spirito libero. Proprio questo prendere con leggerezza l’impegno sportivo, per divertirsi, gli ha fatto anche perdere il numero di gol messi a segno. Con allenatori come Sarri e Iachini lo hanno perfezionato e valorizzato.

Massimo De Martin (nelle foto),  centravanti del Godega, a 36 anni suonati, però, non si smentisce nemmeno questa volta nel campionato di Prima Categoria, e (anche grazie alla doppietta di ieri contro la Cisonese) con 16 reti alla ripresa del girone di ritorno capeggia la classifica marcatori del Girone G. Ma intende ancora far sentire la sua musica nella fase di carriera che volge, per scelta, al termine: "Ancora questa, massimo un’altra stagione, anche se a Godega con Cristiano Turchetto sto veramente 'da Dio', poi devo pensare anche al lavoro nella ditta con papà, presenze in cantiere".

Quella di Massimo, che solo un infortunio grave ha costretto passare dal professionismo ai dilettanti, è una storia che parte da lontano: quando giovanissimo nei primi anni Novanta dalla Polisportiva Costa lo prelevò il Montebelluna fino alla svolta: "Sono passato al Milan, dove dal 1998 al 2002, ho fatto tutta la trafila nelle giovanili – racconta - Mi sono preso grandi soddisfazioni: abbiamo vinto il Torneo di Viareggio, sono stato il capocannoniere del campionato Primavera con il record di 23 gol. Per uno che vuole giocare al calcio Milanello è il posto giusto".

Poi come è andata?
Sono andato a Prato in C/1, dove mi sono subito infortunato, frattura al piede e fermo 6 mesi. Poi all’Alzano Virescit sempre in C/1 e poi al Vicenza in B per 3 anni, con Iachini, Camolese e Viscidi. Poi alla Sangiovannese in C/1 con Ciccio Baiano e Sarri, ma lì ho giocato poco.

Godega massimo de martin milan novara
Colpa di Sarri?
Ma no. Era già in quegli anni un allenatore molto pragmatico, schemi , titolari fissi: a me piaceva fare i "tunnel", lui voleva concretezza, ma si merita il posto dove è arrivato. Con lui mai partitelle, ma solo 11 contro 0, si passavano ore in allenamento a fare schemi su punizioni e calci d’angolo. Uno spettacolo, ha lavorato tanto per arrivare dove è arrivato.

Poi l’esperienza a Pavia, dove hai finito con il professionismo…
Eh si, avevo fatto qualche gol ma siamo retrocessi in C2, dove all’inizio dei play-off mi hanno fatto una iniezione per poter giocare, ma mi hanno lesionato il nervo sciatico. Stop, carriera finita a 25 anni.

Tornato a Vittorio Veneto, Massimo per tre anni è stato fermo, solo lavoro nella ditta di papà Fabrizio, anche lui grande bomber tra i dilettanti negli anni Ottanta. Poi la rinascita…

Come è stata?
A 28 anni mi hanno convinto a riprendere gli allenamenti con il Vittorio Veneto, mi sono rifatto la gamba e tono muscolare. Abbiamo fatto il campionato di Eccellenza (con titolo di capocannoniere, giusto per gradire) e la serie D. In D ho fatto 15 gol, ma ho sbagliato il rigore decisivo nei play-out e siamo retrocessi. Questo se lo ricordano tutti.

Eclisse Carenipievigina Massimo De Martin 500x500 in azione
(Nella foto sopra De Martin in azione ai tempi dell'Eclisse Carenipievigina).

Poi Fontanafredda, Eclisse Careni Pievigina in Promozione ed Eccellenza, con vittoria del campionato, fino al 2016, e infine approdo a Godega da due stagioni.
Abbiano uno squadrone, calcisticamente parlando mi sembra di riesplodere, d’altra parte non so quanti gol ho fatto, non tengo il conto, numeri e statistiche non fanno per me. L’unica cosa che mi riesce bene giocando a calcio è fare gol, se poi hai attorno giocatori come quelli di questa stagione per un attaccante come me è veramente il… massimo. Qui non ci manca nulla per fare bene e vincere il campionato. Non mi interessa vincere la classifica cannonieri quanto che la squadra alla fine centri l’obiettivo.

Il tuo periodo migliore, oltre alla stagione attuale?
Direi gli anni di Vittorio Veneto e Pieve, fantastici. Ma anche ora a Godega sto benissimo, e finirò qui.

Ripassando la tua carriera quale è stato il marcatore più ostico, quello che non ti ha fatto mai toccare palla?
Me lo ricordo bene: quando ero a Vicenza in B nel Genoa giocava Sottil, un vero "animale", fisicamente devastante. Ebbene a Genova io dovevo marcarlo sui calci d’angolo e lui ci ha fatto due gol di testa. Non c’era duello, non ho toccato palla, ma avevo solo 21 anni, lui era esperto.

Un tuo difetto o qualcosa che avresti voluto fare meglio?
Sinceramente non sono mai stato un professionista puro e vero. Non amo stare a casa, seguire regole ferree. Le birrette al sabato sera ce le facciamo, stare in casa mi viene l’ansia. E niente gesti scaramantici, mi piace essere uno spirito libero.

E andare al... Massimo.

(Intervista a cura di Fulvio Fioretti © Qdpnews.it).
(Foto: "Forza Milan!", msngiarotti e Qdpnews.it).
#Qdpnews.it

beninformati title