Donna legata e colpita con il taser a Col San Martino, Chudoba ritratta la sua versione: "Ero fuori regione"

Follina, una città in festa ha abbracciato ieri i suoi alpini per le per le “nozze d’oro” del Gruppo

Conegliano, oltre 200 ballerini di tango tingono il Biscione di atmosfere argentine. Visintin: "Un vero successo"

Pulizie ecologiche: uno stile di vita

Conegliano, partita l'esperienza di volontariato sociale per 11 giovani alla Nostra Famiglia

Orsago, lascia il suo prezioso impegno di "nonna vigile": Liliana De Bortoli saluta tutti dopo 10 anni

Vittorio Veneto, investito da un'auto lungo la statale 51: bambino di 4 anni trasportato a Treviso

Farra di Soligo, altro bel risultato per Simone Pederiva alle Junior World Series di mountain bike in Valle d’Aosta

Cison di Valmarino, installato il sistema d'allarme vocale in centro storico: garantirà sicurezza nelle manifestazioni

Veneto, il Fai promuove il recupero della malga Fontana Secca: diventerà un importante punto di sosta

San Pietro di Feletto, in bici per non dimenticare le montagne ferite dalla tempesta Vaia

Offerta preventiva e coesione sociale: ieri e oggi un convegno medico all'auditorium Banca Prealpi di Tarzo

Vittorio Veneto, betoniera perde calcestruzzo in strada, fermata dalla Polizia Locale, interviene la Savno per la pulizia

Al Meeting Città di Conegliano, il peso di Bianchetti atterra a 20.17 metri, è il suo primato personale

Domani a Conegliano il funerale del 45enne Sandro Steffan: era socio dei Cavalieri dell'Etere

Soligo, ieri la solennità del Corpus Domini: i giovani del paese rinnovano la tradizione dell’ “infiorata”

Sernaglia della Battaglia, il dottor Fioresta smentisce le voci: "Non me ne vado e rimango a fare il medico di base"

Conegliano, Emis Killa porta al centro commerciale Conè il suo "Supereroe Bat Edition": martedì 25 giugno il firmacopie

Conegliano, iniziati i preparativi del Natale? Aperti i colloqui alla ricerca di personale per le festività natalizie

Pieve di Soligo, ecovandali abbandonano bottiglie e lattine al "Parco del Donatore". Sopralluogo del sindaco Soldan

Domenica 30 giugno la "Granfondo Pinarello e della Marca Trevigiana", nuove categorie e differenti mete di passaggio

Pederobba, il Comitato tecnico regionale boccia la realizzazione della vasca di laminazione della cava di Curogna

Dalle Coop trevigiane un progetto per lo sviluppo economico locale con apposita formazione e promozione

San Pietro di Feletto, condanna a otto mesi e risarcimento di 11mila euro per il marito accusato di spiare la moglie

Fregona, incendio distrugge il tetto di una casa colonica disabitata, vigili del fuoco al lavoro, ingenti i danni

Follina, l’Asd Follinese Calcio premia Lorenzo Magagnin mandandolo all’ Italia Football Talent di mister Gianni De Biasi

Obbligatori o consigliati? Facciamo chiarezza sui vaccini per i cani

Treviso, pensionati e sindacati presidiano le case di riposo della Marca, appello per sbloccare la riforma delle Ipab

Ponte della Priula, giovane elegante entra nei bar, consuma e non paga: il caso rimbalza nei social

Follina, esce di strada e si schianta contro un muretto, 60enne di Valmareno in ospedale, non sarebbe grave

La storia di Marco Dalla Longa (nella foto),  giovane valdobbiadenese che frequenta il primo anno della facoltà di ingegneria industriale di Trento, parla di passione, sacrificio e dedizione allo studio. L'impegno di Marco, da sempre appassionato di sci-alpinismo, è stato ripagato da una grande soddisfazione: quella di vedere che il lavoro presentato durante la discussione dell'esame di maturità è stato molto apprezzato, tanto da permettergli di presentare una domanda di brevetto.

Abbiamo avuto la fortuna di porre qualche domanda a Marco per capire bene in cosa consistesse il progetto che ha presentato all'esame di maturità, svoltosi la scorsa estate all'Isiss "Giuseppe Verdi" di Valdobbiadene, dove ha frequentato l'Istituto Tecnico Industriale.

QDP. Come è nata la tua passione per lo sci-alpinismo?
"Fin da piccolo sono stato messo sugli sci. Ho iniziato con le semplici piste per poi imparare ad addomesticare terreni più impervi come i fuori pista. Da lì nacque un amore per quella che è la discesa in terreni non battuti ed incontaminati. Per assaporare al massimo questa sensazione, però, non era più sufficiente risalire con "gli impianti" e, quindi, seguendo i miei genitori ci siamo convertiti a questa sfumatura dello sci alpino che, nonostante le grandi fatiche, dà anche molte più emozioni".

In cosa consiste il progetto che hai presentato all'esame di maturità e che ti ha portato alla domanda di brevetto?
"Era l'inverno scorso quello prima della maturità. Stavo salendo un pendio un po’ ghiacciato quando persi aderenza con "le pelli" e scivolai qualche metro più in basso. Ciò accadde forse per la mia pigrizia nel non voler metter lo scomodo rampant o per la fretta. Fatto sta che di paura quella volta ne presi tanta. Quindi pensai: "Perché non modificare il rampant già esistente per ottenerne uno molto più pratico, veloce e funzionale? E perché non sviluppare questo progetto proprio per l’ esame che presto sarebbe arrivato?" Fu quindi da qui che iniziai a mettere giù qualche schizzo su questa piccola idea. Il concetto di base era comunque quello di prendere questo rampone, che solitamente si applica sugli sci, per fare più presa sulla neve e di applicarlo sullo scarpone mediante un semplice sistema di attivazione che permetta anche lo smontaggio. Da qualche bozza a matita sono passato ad un più specifico disegno tridimensionale per poi, mediante software appositi, giungere ad una verifica statica del componente, definendo così geometrie e misure. Di tutto ciò ho inoltre definito materiali e processi produttivi delle singole parti. A progetto concluso ho reso il tutto un po’ più reale, prototipando l’intero funzionante mediante la mia stampante 3D. Di questo progetto ora è in corso la domanda di brevetto che in tempi brevi mi consentirà di proporre questa idea a delle aziende operanti in questo settore".

Cosa sogni per il tuo futuro?
"Nel mio futuro vedo ancora molto studio, in quanto sono iscritto alla facoltà di ingegneria industriale di Trento. Terminata l’università, valuterò le occasioni che mi si presenteranno per intraprendere una carriera ricca di soddisfazioni nel campo dello sviluppo tecnologico".

(Intervista a cura di Andrea Berton © Qdpnews.it).
(Foto: Qdpnews.it).
#Qdpnews.it

0
0
0
s2sdefault

BP CampagnaRelazione web

beninformati title