In fase di conclusione il progetto "Pon Orientamento" rivolto alle classi quarte dell'Isiss "Verdi" di Valdobbiadene

Vittorio Veneto, seconda edizione di "1000 libri", alla Rotonda di villa Papadopoli incontri con autori ed editori del territorio

Tarzo, spazzatura gettata dall'auto in corsa: ecovandala seriale smascherata dal Controllo di vicinato

La pallavolo italiana (che vince) in festa a Roma, a Palazzo Chigi anche l'Imoco Volley Conegliano

Refrontolo, sabato l'addio a Jole Da Lozzo, storica titolare del bar di viale degli Alpini: era "Maestra del commercio"

Vittorio Veneto, gli studenti dell’ I.I.S."Città della Vittoria" impegnati nel progetto TecnicaMente

Farra di Soligo, ancora nomadi in zona industriale, il sindaco emette l'ordinanza di sgombero immediato

Pederobba, ancora un incidente sulla nuova rotatoria realizzata lungo la Feltrina

Sicurezza sul lavoro, l'aggiornamento del decreto legislativo 81/2008

Susegana, polstrada ferma un'auto sospetta ma il conducente si allontana, perquisita e sequestrata

L'attività sportiva in gravidanza

Valdobbiadene, Francesca Mion, ex candidato della lista "Per Valdobbiadene" si ritira e ringrazia

Vittorio Veneto, quasi pronti otto alloggi di edilizia residenziale recuperati ella palazzina di via Da Ponte

Alla cronoscalata Alpe del Nevegal eccellenti risultati per i piloti trevigiani. Granziera: "Davvero contento della gara"

Conegliano, stamattina inaugurata la nuova gestione dell'Eat's: ora parte l'avventura del gruppo Winner

La crema del judo veneto lo scorso week-end al palazzetto dello sport di Pieve di Soligo

Veneto, avviso di criticità per il maltempo fino alle 16 di domani su tutto il territorio

Conegliano, presidio di polizia locale al Biscione e daspo urbano a chi degrada, l'incontro in Prefettura

Elezioni a Sernaglia della Battaglia, ecco il programma della lista “Con Noi” della candidata sindaco Anna Rosada

Sarmede, il sindaco corre contro il quorum per riconfermarsi alla guida del paese: "Un commissario sarebbe deleterio"

Domani a Conegliano il funerale di Mario Algeo: tra i fondatori della sezione locale dell'associazione Trevisani nel Mondo

Da oggi i campionati del mondo di calcio under 20 in Polonia, Francesco Bordin da Vidor è il match analyst della Nazionale

Il tamburello a Fontigo, una storia che continua. "Una tradizione per tenere unito il paese"

Emergenza rientrata a Farra di Soligo: via Sernaglia riaperta, allagata ieri sera anche una casa di via Cao de Villa

Vittorio Veneto, turisti boom, confermati ancora numeri in crescita nel primo quadrimestre 2019

Vittorio Veneto, Roberto Tonon si promuove dopo 5 anni: "Con il Centenario rilanciata l'immagine della città"

Il "Tarzo Motor Day" in memoria di Mauro Casagrande slitta a causa del maltempo: l'evento rinviato a luglio

"Italia nostra Conegliano", la sezione rinnova il consiglio direttivo: "Proseguiamo l'opera fin qui condotta"

Treviso, corso per prepararsi a diventare "navigator", alla formazione professionale in campo anche la Cisl Fp

Clienti sempre più esigenti. Ecco cosa fare

"Tu non sai quanti amici e persone dell’ambiente mi hanno chiesto cosa ci facessero i miei capelli bianchi sul podio in mezzo a quegli sbarbini che potrebbero essere miei figli!". La forza di Enrico Tonon (nelle foto internationalkiteboarding.org)  è la capacità di prendere lo sport con grande serietà agonistica, ma anche e soprattutto con lo spirito dell'uomo saggio che fa sport perché gli piace proprio. E così, a dispetto di un’età che non è più verdissima, continua a togliersi tante belle soddisfazioni. L’ultima del 2018 è stata la vittoria del titolo italiano di kite foil nella categoria Grand Master - un windsurf trainato da vele tipo quelle dei parapendii, letteralmente volando sull’acqua su tavole con una particolare pinna -, piazzandosi al contempo terzo nella classifica assoluta.

A cinquantadue anni suonati, uno studio di dentista da portare avanti a Vittorio Veneto, Enrico Tonon riesce a ritagliarsi il tempo per gli allenamenti aerobici (di corsa su per il Monte Altare o nella palestrina di papà Guido, professore cenedese che ha insegnato educazione fisica a generazioni di vittoriesi) e in acqua (quando la temperatura lo concede, a Santa Croce) e per le trasferte per le gare. E’ abituato a cogliere dei bei risultati nella sua categoria, ma in quella assoluta no, non ci era ancora mai arrivato. E un piazzamento così, tra giovanottoni tutto muscoli che si dedicano quasi da professionisti allo sport, non arriva per caso.

Vittorio Veneto enrico tonon kitefoil2

Il salto di qualità è arrivato qualche anno fa, quando papà Guido vedendo un video di una gara di Enrico, gli ha suggerito una postura diversa sulla tavola, per fare meno sforzo con le gambe, e quindi pagare meno in termini di acido lattico. Poi col tempo Enrico si è procurato anche l’attrezzatura giusta. E i risultati sono cominciati ad arrivare. "Finalmente ho trovato l’attrezzatura performante. Da qualche mese ho la nuova tavola, comprata (usata, sia chiaro!) dal mitico produttore di San Francisco che rifornisce tutti i professionisti del mondo; e poi mi è arrivata anche la nuova vela, che realizzano in Thailandia dopo aver effettuato i test in nuova Zelanda. Un materiale particolare, che viene sviluppato per i parapendii: ho scritto al produttore, elencando un po' di miei risultati, e mi ha dato le vele ad un prezzo scontato, una specie di sponsorizzazione: incredibile!".

In realtà, anche i suoi avversari, specialmente nelle gare all’estero (dove comunque Tonon finisce spesso sul podio nelle classifiche Gran Master), hanno da sempre materiali super. "Vero - spiega - Ma bisogna lavorare di esperienza, e avere un pizzico di fortuna. Quando ci sono vento forte e onde alte, è impossibile battere la forza dei ventenni. Ma quando sono condizioni più "normali" si può combattere con l’esperienza di regata e la tattica: se vedi bene le raffiche di vento, rischi le linee e sfiori le boe, risparmi tempo ed energia. I giovani, con la loro esuberanza, magari agiscono più d’istinto, che in gare lunghe non sempre paga. E poi bisogna prepararsi bene: per esempio, prima dell’ultima gara ero l’unico che faceva un riscaldamento tipo atletica leggera (anche questo, un insegnamento di papà Guido, che in gioventù si è tolto belle soddisfazioni nel decathlon, ndr), con un’ora di stretching prima di entrare in acqua... E questo poi serve...".

Vittorio veneto enrico tonon kitefoil 3

Come sei arrivato a questo titolo italiano? "Il campionato è stato assegnato dopo tre prove - racconta Tonon - A Rimini, a ottobre con la prova finale della Coppa del Mondo a Cagliari, e a novembre a Pietrasanta, in Toscana. Il maltempo ci ha costretti ad una gara ridotta a un giorno soltanto e con tre sole manches, senza scarti, con un vento leggero. Ideale, per me, perché sembrava di essere a Santa Croce, e così mi sono messo dietro anche junior e master (che sono i veterani più giovani, ndr)".

In realtà la condizione era buona già a ottobre, quando Tonon si era piazzato terzo assoluto tra i Gran Master in Coppa del Mondo. "Sì, mi ero piazzato ventiquattresimo assoluto, ma almeno i primi venti sono professionisti con almeno 25 anni meno di me... quindi, una bella soddisfazione!".

Ora è già tempo di pensare alla stagione 2019. Di fronte a questa domanda, Tonon glissa sempre, sorridendo sornione sotto i baffi (che non ha!), e tirando in ballo l’età. "Il tempo passa, vedremo come starò". Poi però ci pensa un po’ su, e l’occhio si accende: "In Italia ci saranno diverse regate interessanti. I mondiali dovrebbero essere qui vicino, in Francia. E la prima gara di Coppa del mondo è il 14 febbraio ad Abu Dhabi, dove saranno presenti tutti i migliori per testare in nuovi materiali e la propria condizione. Sarebbe bello esserci". Scommettiamo?

(Fonte: Fulvio Fioretti con la collaborazione di Alessandro Toffoli © Qdpnews.it).
(Foto: internationalkiteboarding.org).
#Qdpnews.it

0
0
0
s2sdefault

BP CampagnaRelazione web

beninformati title