Il Centro recupero fauna selvatica della Provincia di Treviso è intervenuto ieri, mercoledì 19 aprile, per recuperare un raro esemplare di "ibis eremita" segnalato dalla Lipu nel territorio comunale di San Fior, in evidente stato di difficoltà e stremato da una lunga migrazione.

 

Intervenuti sul posto, gli agenti della Polizia provinciale di Treviso hanno individuato e catturato velocemente l'ibis, rilevandone l'identità tramite gli anelli alle zampe: si tratta di "Ombra_067", una femmina nata nel 2014 a Salisburgo (Austria) e appartenente al progetto Life+ "Reason for hope", guidato dal Waldrappteam che trova l'unico partner italiano nel Parco Natura Viva di Bussolengo (Verona).

"Ombra" era partita qualche giorno fa dall'oasi di Orbetello (Grosseto), sito individuato dal progetto per lo svernamento, e dopo un volo di molti chilometri aveva sostato brevemente a Quinto di Treviso prima di giungere nella località di San Fior.

Visitato dal veterinario del Centro recupero fauna selvatica non si sono riscontrati traumi particolarmente gravi ed ora, ricoverato presso le apposite strutture della Provincia di Treviso, sta recuperando le forze, mettendosi a disposizione degli operatori del progetto Waldrapp che ne seguono a distanza la degenza.

“Ritrovate le forze, Ombra riprenderà il suo viaggio, non senza il nostro ringraziamento per la visita che includeremo prestigiosamente nei dati turistici della Marca”, scherza Stefano Marcon, presidente della Provincia di Treviso.

(Fonte e foto: Provincia di Treviso).
#Qdpnews.it