San Fior, ricette venete insegnate via Skype agli adulti di una scuola di Mosca dalla 23enne Francesca Benvenuti

Da San Fior continuano ad arrivare storie di uomini e donne che, in questi mesi segnati dall’emergenza Coronavirus, hanno dato sfogo alle loro passioni con iniziative originali davvero sorprendenti.

La 23enne Francesca Benvenuti (nella foto), infatti, ha attivato un progetto di scambio interculturale con una scuola di Mosca, dove sono presenti diversi adulti che studiano la lingua italiana.

Questa iniziativa consiste in un incontro settimanale via Skype in cui la giovane di San Fior spiega in diretta delle ricette tipiche venete e italiane.

“La vita in quarantena - racconta Francesca - sicuramente non è facile. La cosa più importante in questo momento è la salute, ma sicuramente dobbiamo tutti considerare come la vita di tutti noi, giovani, adulti e anziani, sia cambiata. La vita frenetica, lo stress e i mille problemi del lavoro hanno lasciato il posto ad una sedentarietà irremovibile: la vita in casa. Per molti sarà una scoperta, una novità, per altri invece sarà il desiderio di una vita dovuta a stress e attività frenetica, e per altri sarà abitudine, quotidianità. Sicuramente per me è stata una scoperta”.

FOTO SAN FIOR 3

“Durante questo periodo di quarantena - prosegue - mi sono potuta dedicare a tempo pieno alla mia passione più grande: la cucina. Passo le giornate a cucinare e sperimentare sempre piatti nuovi. Inoltre, ho avviato un progetto di scambio interculturale con una scuola di Mosca, composta da adulti che studiano la lingua italiana. Questo progetto consiste in un incontro settimanale via Skype in cui insegno in diretta delle ricette tipiche venete e italiane. Loro cucinano insieme a me”.

“Questo progetto mi sta dando tantissime soddisfazione - aggiunge - Ogni settimana siamo più di una trentina di persone collegate. Tutti possono partecipare: studenti russi ma anche gente che ha semplicemente voglia di trascorrere un’ora in compagnia. Ho anche creato una pagina Instagram dedicata che si chiama “chicca_ai_fornelli”. Sono davvero felice di aver utilizzato questo periodo di quarantena al meglio, intrattenendo persone e regalando qualche momento di spensieratezza, portando la cucina veneta e italiana in giro per l’Europa”.

“Mi auguro che tutti i giovani - conclude Francesca -, e non solo, possano riscoprirsi e scoprire, come me, se stessi e i veri valori della vita. Dedicarsi a se stessi, ai propri famigliari, ai propri hobby e così scovare della luce in tutto questo buio”.


(Fonte: Andrea Berton © Qdpnews.it).
(Foto: per gentile concessione di Francesca Benvenuti).
#Qdpnews.it 

Print Friendly, PDF & Email

// Storie di Sport