San Pietro di Feletto, Mandia contesta lo stato delle fermate della corriera: "Bisogna intervenire in maniera urgente"

Le fermate della corriera del Comune di San Pietro di Feletto non sarebbero adeguate, secondo Cristina Mandia, capogruppo di minoranza che ha trasmesso una nota, a tal proposito, direttamente al sindaco Maria Assunta Rizzo e alla sua giunta comunale.

Una lettera dove, in sostanza, Mandia ha voluto sottolineare la pericolosità delle fermate dei borghi Castagné, Anese, Vazzola, Doimo e Carobolante.

"Chi aspetta alla fermata, in pratica, - ha spiegato Cristina Mandia - lo fa sulla strada e, se piove, sotto l'acqua, perché non ci sono cappottine di riparo e aree di sicurezza".

Secondo Mandia, la situazione sarebbe stata "più volte segnalata dai cittadini" e lo stato attuale delle fermate "costituisce un motivo di pericolo per l'utenza in genere e in particolare per l'utenza scolastica, considerata la scarsa visibilità, talvolta aggravata dalle condizioni atmosferiche e dall'assenza di opere di riparo".

Quindi, la realizzazione di aree idonee di attesa per i mezzi è quanto ha richiesto, con urgenza, Mandia all'amministrazione comunale.

"Considerato che l'amministrazione dispone di somme derivanti dall'avanzo di esercizio - ha concluso il capogruppo di minoranza - che hanno permesso, tra l'altro, il finanziamento in parte dei marciapiedi della frazione di Santa Maria di Feletto, chiedo che si predisponga quanto necessario con la massima urgenza".


(Fonte: Arianna Ceschin © Qdpnews.it).
(Foto: archivio Qdpnews.it).
#Qdpnews.it 

Print Friendly, PDF & Email

// Storie di Sport