San Vendemiano Manifesto strappato 2016La scorsa notte tutti i manifesti referendari per il "Sì" sono stati integralmente o parzialmente strappati dalle plance elettorali del territorio comunale di San Vendemiano. Nello specifico, dalla plancia di Fossamerlo ne sono stati divelti due; dalla plancia di fronte al municipio ne sono stati danneggiati due, di cui uno staccato; dalla plancia di Zoppè uno è stato integralmente strappato e un altro distrutto a metà; infine, dalla plancia di Saccon, un poster è stato danneggiato, mentre l’altro è rimasto integro.

 

"Un gesto grave, inaccettabile che ci amareggia. Chi priva gli altri della loro voce dimostra intolleranza, poca consapevolezza democratica e poco rispetto per le persone e per le idee, ingredienti questi pericolosissimi per la convivenza civile", afferma Francesca Nicastro, coordinatrice di Basta un Sì Conegliano e Coneglianese.

"Facciamo appello al sindaco Dussin affinchè si attivi per spegnere sul nascere ogni focolaio di intolleranza, stigmatizzando pubblicamente l'accaduto quale segnale incivile e antidemocratico assolutamente non rappresentativo del senso civico della maggioranza dei cittadini san vendemianesi. In nessun altro Comune in cui i nostri volontari hanno appeso i manifesti si è infatti verificato questo problema, eccetto che a San Vendemiano".

Il comitato Basta un Sì Conegliano e Coneglianese, nella persona di Marco Della Monica, referente per San Vendemiano, sporgerà denuncia alle forze dell’ordine in queste ore.

Il comitato Basta un Sì Conegliano e Coneglianese, apartitico e trasversale, si è battuto in questi mesi per informare i cittadini nel merito dei contenuti della riforma costituzionale oggetto di consultazione referendaria domenica prossima 4 dicembre.

(Fonte e foto: Basta un Sì Conegliano e Coneglianese).
#Qdpnews.it