Vandalismo in casa Atl-Etica, danni per quasi 3.000 euro. De Lazzari: "Sporgeremo denuncia"

Vandalismo in casa Atl-Etica: nei giorni scorsi sono stati riscontrati danni ad alcune attrezzature della società di San Vendemiano.

Alcuni vandali ancora ignoti, fanno presente dal collettivo sportivo, si sono introdotti nella tensostruttura accanto alla pista di San Vendemiano e hanno danneggiato alcuni sacconi per il salto in alto e il salto con l’asta che Atl-Etica e la consociata Nuova Atletica Tre Comuni avevano destinato all’attività giovanile nei centri tecnici che le due società gestiscono a Oderzo, Cimadolmo, Ponte di Piave e Motta di Livenza.

“Un gesto vile e inqualificabile - commenta il direttore sportivo di Atl-Etica, Andrea De Lazzari -. I sacconi dovevano servire per un’attività di promozione del salto in alto che, coinvolgendo anche la nostra allenatrice Hristina Kaltcheva, ex campionessa mondiale indoor della specialità, avevamo pensato di collegare idealmente alla gara tricolore di Tamberi ad Ancona".

"Lavorando giorno e notte, siamo riusciti a ripristinare i sacconi e a svolgere i quattro incontri che hanno visto complessivamente in pista una settantina di giovani. Ma il danno economico resta, ed è pesante: almeno 2/3 mila euro. - conclude - Faremo denuncia”.


(Fonte: Redazione Qdpnews.it).
(Foto: Atl-Etica San Vendemiano).
#Qdpnews.it 

Print Friendly, PDF & Email

// Storie di Sport