Santa Lucia di Piave, Szumski invita i sindaci veneti alla disobbedienza pacifica: "Contro ingiuste penalizzazioni"

Il “la” lo ha dato la notizia dei Comuni siciliani a rischio default, uno spunto è arrivato anche dalla protesta del presidente dell’Anci Veneto contro tagli e penalizzazioni dei comuni virtuosi, il sindaco di Treviso Mario Conte. Così Riccardo Szumski, sindaco venetista per eccellenza di Santa Lucia ha scritto una lettera aperta allo stesso collega Conte nella veste di presidente dell’Anci, invitandolo all'azione concreta.

Benché oramai non più aderente all’Anci da decenni a causa proprio della totale incapacità sindacale di tutelare i Comuni se non al ribasso, - scrive Szumski - di fronte alla ennesima pioggia di norme che penalizzano i nostri territori ed a fronte di politiche dello Stato italico in cui chi è bravo, rispetta le leggi ed amministra oculatamente è un fesso e bisogna punirlo a vantaggio di dissipatori vari (a cominciare dalle burocrazie statali e ministeriali), credo sia necessaria una nuova stagione di coraggio e determinazione e di rottura”.

Per Szumski un passaggio possibile solo liberandosi “dai lacci delle appartenenze partitiche, che in quanto tese a raggiungere il consenso per arrivare al potere utilizzano strumentalmente le oggettive difficoltà dei nostri comuni veneti ma poi non cambiano l’andazzo”.

Credo fermamente - prosegue il primo cittadino di Santa Lucia di Piave - che 500 sindaci veneti che assumano posizioni di disobbedienza a fronte di penalizzazioni ingiuste dei propri amministrati, possano pesare molto di più e mostrare una faccia diversa a chi al centro di questo paese, purtroppo comunque fallito, continua imperterrito a bastonarci. E non credo verrebbero facilmente destituiti tout court”.

Per non trovarci poi ogni qualche mese – conclude - a lamentarci di norme che ci penalizzano ulteriormente e magari invece danno risorse ai Comuni totalmente dissestati come quelli sopra richiamati. Tanto i veneti (e non solo) pantaloni continueranno a pagare per loro. Ora crederò ad una vera ira quando almeno l’Anci Veneto passerà ad azioni di disobbedienza pacifica in stile ghandiano: 500 sindaci disubbidienti sarebbero una bella ira. Ma come Manzoni faceva dire a don Abbondio chi il coraggio non ce l'ha...”.

(Fonte: Fulvio Fioretti © Qdpnews.it).
(Foto: archivio Qdpnews.it).
#Qdpnews.it

Print Friendly, PDF & Email

// Storie di Sport