Voci d’eccellenza a Santa Lucia: l'11 gennaio alla Nuova Filanda un concerto lirico d’importanza internazionale

Un concerto lirico importante, probabilmente unico nella zona, quello in programma alla Filanda di Santa Lucia di Piave l’11 gennaio 2020: un’iniziativa che trae le sue origini da un legame di sangue tra il paese e alcuni personaggi che hanno fatto la differenza sia in Italia che all’estero nella storia del canto sinfonico.

I nomi che vengono ricordati sono quelli di Mario Del Monaco, uno dei tenori più rappresentativi degli anni Cinquanta e Sessanta, ed Ettore Bastianini, baritono divenuto icona del Verismo e dell’opera russa, sempre negli anni Cinquanta. Tra i protagonisti della serata un’orchestra d’eccellenza, la Filarmonia Veneta, diretta dal maestro Manlio Benzi, anch’esso una firma conosciuta a livello internazionale.

Sarà proprio la potente voce di Mario Del Monaco, a metà tra il tenore e il baritono, dotato di una natura vocale d’eccezione e di un fraseggio ricco di drammaticità, ad aprire il concerto sinfonico: il suo storico Inno di Mameli, registrato dall’Orchestra Rca, farà d’antipasto per un banchetto a base di opere come “Il Trovatore” di Verdi, la “Tosca” e “Turandot” di Puccini, i “Pagliacci” di Leoncavallo; una scaletta verista eseguita da artisti che rifiutano i microfoni e, di conseguenza, non possono permettersi nemmeno un errore.

Un altro aspetto da considerare, nella preparazione della serata, è l’unica prova che gli artisti avranno a disposizione prima dello spettacolo, appena il venerdì prima.

A volere fortemente l’iniziativa, il sindaco di Santa Lucia di Piave Riccardo Szumski, il quale afferma la sua volontà di proseguire con una progressiva valorizzazione della struttura della Nuova Filanda, anche dal punto di vista dell’intrattenimento musicale, assieme a due professionisti dell’opera lirica e cittadini di Santa Lucia di Piave che hanno fatto da tramite e da scintilla per l’ideazione di questo progetto: il direttore artistico Claudio Del Monaco, figlio del sopracitato, e sua moglie, Daniela D’Arminio.

L’obiettivo del concerto riprende e rinnova un impegno che da tempo l’amministrazione comunale si era prefissata negli anni passati, ma mai con un’orchestra di prestigio: grazie ad alcuni sponsor, ma anche e soprattutto grazie alla disponibilità di artisti come Gianni Mangiardino, Alessandro Moccia, Claudia Ciullo, Francesca Sassu, Michele Bolla, il concerto verrà offerto in libera entrata alla comunità, con un’eventuale offerta del tutto facoltativa.

“Per prima cosa, vorremmo ringraziare il sindaco dottor Riccardo Szumski - dichiarano Claudio Del Monaco e Daniela D’Arminio - È dal 1982 che non veniva accolta una manifestazione celebrativa così importante e a livello internazionale. È la prima volta che viene eseguito un concerto con una scaletta completamente verista”.

Il sindaco, che ricambia il ringraziamento anche agli artisti che hanno scelto di accettare, afferma: “Questo evento va ben oltre Santa Lucia, ma abbiamo scoperto che la Nuova Filanda si presta bene dal punto di vista acustico: siccome c’è un progetto di ottimizzazione energetica dell’edificio, già che ci siamo potremmo valutare anche un miglioramento dell’effetto acustico”.

All’orario stabilito, le 20.30, in data sabato 11 gennaio 2020, ci saranno circa 600 posti a sedere a disposizione gratuita del pubblico: il concerto, presentato da Nelly Pellin, avrà anche un ospite d’onore, il baritono Franco Giovine, altro grande nome della musica sinfonica italiana.

(Fonte: Luca Vecellio © Qdpnews.it).
(Foto: Qdpnews.it © Riproduzione riservata).
#Qdpnews.it 

Print Friendly, PDF & Email

// Storie di Sport