Il municipio di Santa Lucia si tinge dei colori del Comune. Szumski: "Avanti tutta concittadini, siamo fortissimi"

  • Santa Lucia di Piave
  • - 24 Marzo 2020

"Forza concittadini, siamo fortissimi!" è con queste parole che il sindaco di Santa Lucia Riccardo Szumski si tiene vicino alla sua comunità tramite i seguitissimi post su Facebook. Da ieri sera per di più, lunedì 23 marzo, il municipio è illuminato di giallo e rosso, i colori del paese. 

Un'esortazione a tenere duro e stare uniti, dato che i casi di contagio, un pò come ovunque nel territorio, stanno salendo, anche se costantemente monitorati.

Szumski in qualità di medico di base continua, parallelamente ai suoi doveri di sindaco, anche a monitorare i suoi pazienti, con visite a domicilio giornaliere e cure "ad hoc" per i positivi al Covid-19: bardato dalla testa ai piedi indossa tutti i dispositivi di protezione e in macchina raggiunge i suoi assistiti.

Attenzione che "La terapia con idrossiclorochina e azitromicina (due comuni farmaci che si usano uno contro la polmonite batterica e l'altro come antireumatico reperibili in farmacia) in pazienti clinicamente sintomatici e sospetti Covid è una mia decisione terapeutica assunta autonomamente in scienza e coscienza per cercare di tutelare la salute dei miei assistiti" precisa il sindaco, che spiega come abbia seguito un percorso di studio sperimentale sui suoi pazienti e abbia notato dei miglioramenti graduali ma significativi.

Il Mariga e medico santaluciese rimane però ancora in attesa di sottoporsi al tampone, che dovrebbe venirgli effettuato domani, mercoledì 25 marzo, anche se di certezze in merito ce ne sono ancora poche.

Per quanto riguarda le attesissime mascherine regionali, invece, il Comune fa sapere che oggi, martedì 24 marzo, inizierà la distribuzione partendo dalle persone fragili secondo l'elenco trasmesso dalla Ulss e poi dalla vie delle montagne lato est di via Distrettuale,casa per casa, zona Sarano. Nei giorni successivi verrà indicata la zona successiva.

È importante ricordare che ne verranno distribuite due per nucleo familiare, visto che il quantitativo giunto non consente, al momento, forniture maggiori.

In uno dei suoi post il sindaco dimostra grande determinazione e si stringe ancora una volta alla sua comunità concludendo: "Non meritate nessuna delusione da parte mia.. Insieme raggiungeremo la vittoria anche in questa prova".

 

(Fonte: Alice Zaccaron © Qdpnews.it).
(Foto: Comune di Santa Lucia di Piave).
#Qdpnews.it

Print Friendly, PDF & Email

Anche per Santa Lucia di Piave giro di vite per le misure di sicurezza: salgono a 3 i contagiati, un deceduto

  • Santa Lucia di Piave
  • - 18 Marzo 2020

Anche il Comune di Santa Lucia di Piave si vede costretto a stringere di un buco la cintura delle restrizioni: l’incessante appello a rimanere a casa non è bastato e ieri sera la laconica notizia del sindaco Szumski: sale a 3 il numero di casi ufficiali nel comune, e salirà ancora.

Questa mattina il sindaco ha confermato la criticità della situazione con un nuovo messaggio: "Buongiorno Santa Lucia, purtroppo abbiamo la prima vittima da coronavirus, a cui va una preghiera".

È questo il motivo che ha portato l’amministrazione a scegliere di chiudere l’accesso anche ai parchi e cimiteri di tutto il Comune. Troppa la tentazione infatti in queste giornate di sole per resistere a un saluto ai propri cari defunti o una corsa all’aria aperta, ma la comunità non se lo può permettere.

La decisione di interdire l’ingresso alle aree verdi e cimiteriali nasce dal proposito di convincere la gente a rimanere a casa a tutti i costi per scongiurare un peggioramento dei contagi.

Si rammenta altresì che l’abituale mercato del giovedì sarà sospeso così come gli screening oncologici di primo livello al centro sociale. Attivi più che mai invece i servizi utili ai cittadini: grazie alla protezione civile, servizi sociali e volontari si é messa in moto una macchina di solidarietà.

Per il servizio di consegna di farmaci a domicilio é sufficiente chiamare il numero 800065510; i servizi sociali rispondono anche per i pasti a domicilio chiamando lo 0438466131 oppure 0438466100.

I negozi che effettuano la spesa con consegna a domicilio in tutto il comune sono i seguenti: Crai “L’angolo” via Roma, 0438460124; Crai “La bottega dei sapori” via Mazzini 0438700364; alimentari Basei Marilisa via Sarano 0438701464; “Cascio Frutta” via distrettuale Sarano 04381698633; frutta e verdura “Arcobaleno” via distrettuale Bocca di Strada 0438460410; carni e gastronomia Tiziano via Martiri della libertà 04381961707; macelleria “da Michele Snc” via distrettuale Sarano 0438460641; panificio “laboratorio del pane” Bocca di Strada 0438700631; panificio “profumo di pane semenzato” via Mazzini 0438700428.

Le edicole che distribuiranno unicamente giornali sono l’edicola Marvin Sergio di via Crispi 0438460260 e l’edicola Michelin Gabriele di via distrettuale Sarano 0438711033.

Si ricorda che é possibile contattare il Comune per richieste particolari anche tramite gli indirizzi mail: info@comunesantalucia; Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.; Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

 

(Fonte: Alice Zaccaron © Qdpnews.it).
(Foto: Archivio Qdpnews.it).
#Qdpnews.it

Print Friendly, PDF & Email

Cordoglio per Angelo Nardi: dirigente del Santa Lucia calcio e priore dell'associazione Dama Castellana

  • Santa Lucia di Piave
  • - 07 Marzo 2020

"In questi giorni un po' difficili ci ha lasciato Angelo Nardi, per anni l'anima del concorso enologico EnoConegliano, che non ci ha mai abbandonato anche se 'in pensione'. Da parte di tutta l'associazione un sincero grazie per tutto quello che ha fatto e che ci ha insegnato e un grande abbraccio ai suoi familiari e amici".

Questo il messaggio di cordoglio condiviso dall'associazione Dama Castellana di Conegliano sulla propria pagina Facebook, in ricordo di Angelo Lino Nardi, originario di Santa Lucia di Piave ma da anni residente nella città del Cima, scomparso all'età di 82 anni.

Dal 1985 al 2005 Angelo Nardi era stato dirigente e vicepresidente del Santa Lucia calcio, mentre era stato consigliere della società di sci "Penna bianca" di Conegliano.

Diplomato al Cerletti, si era impegnato nel portare avanti l'azienda del nonno nel campo della fabbricazione di lucchetti.

Molto impegnato nel volontariato, Angelo Nardi era membro dell'Assoenologi ed enotecnici Veneto Centro Orientale e faceva parte dell'Unione ex allievi del Cerletti.

Per l'associazione Dama Castellana aveva ricoperto il ruolo di priore ed era stato componente della commissione del concorso EnoConegliano.

Il rito funebre si è svolto martedì 3 marzo in forma privata, a causa delle disposizioni ministeriali in corso, nel cimitero di Santa Lucia di Piave.

Angelo Nardi ha lasciato la moglie Marisa, i figli Claudio, Paolo e Annalisa, la sorella Matilde, i nipoti, il genero, le nuore, tutti i parenti e amici.

(Fonte: Arianna Ceschin © Qdpnews.it).
(Foto: Onoranze funebri Salamon).
#Qdpnews.it

Print Friendly, PDF & Email

Santa Lucia di Piave, emergenza coronavirus: la comunità islamica dona al comune 3500 euro

  • Santa Lucia di Piave
  • - 16 Marzo 2020

Anche al comune di Santa Lucia arrivano gesti di solidarietà per combattere un "nemico invisibile".

E' di questa mattina infatti la positiva notizia che ha visto protagonisti l'amministrazione Szumski e la comunità islamica: una delegazione del'associazione Al Baraka, con sede a Santa Lucia e regolarmente iscritta al registro delle associazioni comunali, ha consegnato direttamente al sindaco Riccardo Szumski la somma di 3500 euro, raccolti grazie al contributo dei propri associati.

La finalità è chiara: sono da utilizzare per le necessità derivanti dall'emergenza Coronavirus, che sta piagando non solo gli ospedali ma i comuni stessi.

"Il gesto - riferisce la delegazione, - vuole essere un piccolo contributo in un momento di così grande difficoltà alla comunità che ci accoglie e di cui ci sentiamo parte integrante".

Hanno anche approvato la gestione diretta del sindaco, tramite i servizi sociali, evitando le inevitabili complicanze burocratiche del versamento nelle casse comunali, come da prassi per tutti i generi di donazioni di associazioni o privati per questa tipologia di interventi del sociale.

Il sindaco ha ringraziato caldamente a nome di tutta la cittadinanza e dell'amministrazione, congratulandosi anche per il comportamento ineccepibile che la comunità ha sempre dimostrato.

(Fonte: Alice Zaccaron © Qdpnews.it).
(Foto: Comune di Santa Lucia di Piave).
#Qdpnews.it 

Print Friendly, PDF & Email

Santa Lucia, il malcontento per l'ufficio postale chiuso non durerà a lungo: prevista ultima settimana di lavori

  • Santa Lucia di Piave
  • - 05 Marzo 2020

È da ormai un paio di settimane che la chiusura dell'ufficio postale di via Francesco Crispi sta creando alcuni disagi agli abitanti del Comune di Santa Lucia di Piave.

L'ufficio ha chiuso i battenti a partire dal 19 febbraio per quelli che dovevano essere dieci giorni di manutenzione, ma a oggi la situazione pare invariata. 

I lavori si sono resi necessari a causa di alcune infiltrazioni d'acqua nel soffitto, potenzialmente pericolose per quei macchinari che all'interno della struttura funzionano ad alta tensione.

Poste Italiane aveva debitamente allertato la comunità dell'inizio dei lavori con degli avvisi che indicavano di rivolgersi all'ufficio postale più vicino, ovvero quello di Santa Maria di Piave, per effettuare le normali operazioni in attesa del completo ripristino della sede comunale. 

Nonostante la riapertura prevista per il 28 febbraio però i cittadini si sono trovati l'ufficio chiuso per tutta la settimana successiva, con evidente disappunto.

Poste Italiane fa sapere che la manutenzione si sta svolgendo in conformità alle regole straordinarie resesi necessarie dall'emergenza Coronavirus, che hanno inevitabilmente rallentato il calendario di lavori, facendolo slittare però, assicurano, di una sola altra settimana. 

Ad aggiungersi alle difficoltà dovute al Coronavirus è stato anche il maltempo, che ha reso impossibile procedere con i lavori in programma. Salvo imprevisti dunque attualmente si prevede la riapertura dell'ufficio postale di Santa Lucia per la prossima settimana.

Nel frattempo, per ogni genere di operazione continuano a essere operativi gli uffici di Santa Maria di Piave dalle ore 8.20 alel 13.45 dal lunedì al venerdì e dalle 8.20 alle 12.45 il sabato mattina.

Anche le poste di Conegliano, Susegana e Ponte della Priula sono regolarmente accessibili.

 

(Fonte: Alice Zaccaron © Qdpnews.it).
(Foto: Archivio Qdpnews.it).
#Qdpnews.it

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email

// Storie di Sport