Sarmede, Pizzol: "Nonostante i tagli di risorse, lavorerò per ridurre l'imposizione fiscale in paese"

Tagli ai comuni nella nuova finanziaria, assieme a Szumski, Conte e Chies si stanno associando pian piano altri primi cittadini, come ad esempio Larry Pizzol di Sarmede che a fronte del taglio sul Fondo di solidarietà, non intende assolutamente aumentare l'imposizione fiscale locale.

“Anzi - afferma - lavoro per diminuire, ma è certo che la capacità di nuove assunzioni dei comuni virtuosi come nel trevigiano anziché migliorare peggiora".

“Ancora una volta - sostiene il sindaco di Sarmede - si è deciso di percorrere la strada più semplice e sicura andando a colpire le istituzioni più vicine ai cittadini e vale a dire i Comuni e in particolar modo quelli più virtuosi e tra questi quelli trevigiani. Già da anni siamo stati il bersaglio facile rispetto al quale fare cassa! Ora non se ne può più!”

Pizzol punta il dito sulla disponibilità di minori risorse che equivale per i piccoli comuni virtuosi all’impossibilità di assumere per raggiungere il numero indispensabile di dipendenti comunali al fine di gestire i vari servizi e burocrazia in costante aumento.

“Nonostante questo - afferma il primo cittadino di Sarmede - io lavorerò per ridurre le tasse locali ai miei cittadini. Tuttavia non so fin quando i sindaci riusciranno a fare da cuscinetto tra le scelte governative e il mondo reale che richiede sempre maggiori attenzioni e tutele per i più deboli. Spero che Anci Veneto faccia sentire la voce dei Sindaci ed evidenzi lo stato di sofferenza ormai al limite, nel quale gli amministratori locali lavorano”.

(Fonte: Fulvio Fioretti © Qdpnews.it).
(Foto: archivio Qdpnews.it).
#Qdpnews.it 

Print Friendly, PDF & Email

// Storie di Sport