Trovati morti in un prato a Segusino dei gattini appena nati. Il social si indigna: "Vergogna, gesto inconcepibile. Sterilizzateli!"

Doveva essere una tranquilla passeggiata estiva vicino a casa, ma un residente di Segusino si è trovato di fronte una scena raccapricciante: una decina di gattini trovati senza vita in un prato. La foto shock (in alto) è stata scattata ieri sera, giovedì 1° agosto, in via San Rocco, pochi minuti a piedi del centro di Segusino, ed è stata subito postata sul gruppo Facebook “Sei di Segusino se…”.

Immediatamente è scoppiata l’indignazione generale per un gesto che è stato condannato duramente, in primis dalla persona che ha postato la foto. “Non è una cosa giusta ciò che abbiamo trovato – ha dichiarato la signora -, è meglio sterilizzare i gatti se poi si finisce per ucciderli in questo modo ed abbandonarli in un prato vicino alla strada. Ho voluto pubblicare subito la foto, prima che il responsabile del gesto, che era in zona, li facesse sparire”.

Una brutalità vergognosa che costituisce illecito penale e che, al giorno d’oggi, è del tutto insensata visto che il “problema” delle gravidanze indesiderate può essere risolto con la sterilizzazione. Se una gatta è di proprietà, l’intervento chirurgico di un veterinario ha un costo di poco superiore ai cento euro, nel caso dei gatti randagi, invece, lo status di “gatto libero” è una condizione sufficiente per la sua sterilizzazione gratuita da parte dell’Ulss di riferimento.

Inoltre, qualora ci si occupi di gatti che non siano di proprietà (minimo due), è possibile registrarli in Comune come “colonia felina”. In questo modo si avrà il sostegno dell’Ulss di competenza, che provvederà a dotare i felini di microchip, garantirà sterilizzazioni e visite mediche gratuite e consentirà di tutelare i gatti della colonia da azioni violente nei loro confronti.

(Fonte: Luca Nardi © Qdpnews.it).
(Foto: "Sei di Segusino se...").
#Qdpnews.it

Print Friendly, PDF & Email

// Storie di Sport

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies.